36
Draghi, quanto prende? Dallo Stato zero euro.
Quanto prende Mario Draghi per fare il Presidente del Consiglio dei ministri? Risposta ufficiale con atti e documenti: "alcun compenso di nessuna natura". Cioè zero euro. Avesse preso lo stipendio da ministro, Draghi con quella cifra non ci avrebbe certo, come usa dire, campato. Economicamente Mario Draghi vive d'altro che di stipendio pubblico: nella sua dichiarazione 2020 (redditi 2019) si legge 581.665 euro di redditi appunto, dieci proprietà immobiliari a Londra, sei terreni di proprietà...Dello stipendio pubblico Draghi non aveva bisogno certo, come certo è che ci ha rinunciato.

D'Alema, quanto prendeva D'Alema?
Secondo quanto riporta La Repubblica e se il racconto di stampa collima con i fatti, come Presidente della Fondazione che fa capo ai socialisti europei Massimo D'Alema prendeva 10 mila euro al mese come concordata retribuzione. Ora la Fondazione dice, con debole argomento, che nessun Presidente prima e dopo D'Alema è stato retribuito. Quindi rivuole indietro da D'Alema 500 mila euro. Che D'Alema, per orgoglio e puntiglio, non vuole restituire neanche in parte perché, con buon argomento, sostiene non averli certo estorti. Finiranno in Tribunale, con sicuro reciproco danno d'immagine.

Spiagge zozzone, italiani candidi.
Altri è il nome malefico di una maligna entità, quella che lascia ogni cento metri di spiagge italiane in media 783 rifiuti. Bottiglie e tappi di plastica, resti e confezioni di cibo, mozziconi di sigarette, ogni tipo di utensile rotto e sfasciato, bastoncini per le orecchie e, freschi arrivati, guanti e mascherine...Una spiaggia pulita e usata e frequentata da umani altrettanto puliti presenta all'esame in media 20 rifiuti da attività umane. Le spiagge italiane 40 volte di più. Spiagge zozzone ma italiani candidi. Infatti a lasciare rifiuti sono sempre altri, e poi,  altri tra gli altri, Comuni che non raccolgono, Stato che non pulisce...Noi? Noi al massimo una cicca, un tappo di olio solare, una cartata della pizza, due sandali vecchi e rotti, che vuoi che sia?
Polonia fonda Università. Insegnerà alle donne a stare al loro posto.
Con diretto ed entusiasta appoggio governativo in Polonia nasce Università dalle grande ambizioni, vuole infatti essere l'Ateneo di riferimento per l'Europa centro orientale e vuole essere il centro di una campagna di riconquista e purificazione. Tra gli obiettivi espliciti: ristabilire la supremazia dei veri e puri valori. Le donne, ad esempio e soprattutto: create per fare figli. Fare figli e basta e che se ne ricordino e che stiano al loro posto. Gay e affini? Mica umani come gli altri. La Ue? Covo e incubatrice di devianze. L'aborto un crimine, l'immigrato una minaccia alla purezza della stirpe. Spesso i paesi dell'ex est europeo a suo tempo soggetti all'Urss sanno come dimostrare di non meritarsi l'essersi liberati del comunismo.

Luana D'Orazio e l'orditoio manomesso.
Riportiamo il titolo del Corriere della Sera: "Luana D'Orazio, orditoio gemello aveva i sistemi di sicurezza manomessi". Leggiamo da La Repubblica: investigatori hanno sequestrato e ispezionato l'orditoio che stava di fronte a quello della morte di Luana e hanno verificato che qui la sicurezza non scattava. Sentiamo in radio che nei prossimi giorni sarà ispezionato e testato il funzionamento dell'orditoio dell'incidente mortale. Temiamo ci sia la concreta possibilità di venire presto a sapere che non è stato solo e soltanto un incidente.