181
Un incontro informale, frutto di un rapporto che fra le parti è già ottimo. Nella giornata di ieri, secondo il Corriere della Sera, Mino Raiola si è presentato a Casa Milan per incontrare Adriano Galliani, confermare il rinnovo di Jack Bonaventura (fino al 2020), parlare della possibile partenza di Rodrigo Ely (che piace al Crotone), ma non di Gianluigi Donnarumma.

RINNOVO IN STAND BY - Il super procuratore, infatti, ha ribadito all'attuale amministratore delegato del Milan che i contatti per il rinnovo di Donnarumma non inizieranno prima di aver fatto diradare la nebbia che continua ad esserci attorno alla cessione societaria.

NULLA DI FATTO PRIMA DI MARZO - Di fatto per blindare Donnarumma, il cui contratto giovanile scadrà il 30 giugno 2018, servirà aspettare il compimento della maggiore età. Prima del 25 febbraio Donnarumma non sarà maggiorenne e, quindi non potrà firmare un lungo e remunerativo contratto. Nessun problema per Raiola che, infatti, ha confermato che prima di sedersi ad un tavolo per trattare vuole conoscere i piani della nuova proprietà cinese o, in caso di mancata cessione, i progetti futuri di Silvio Berlusconi. Real e Juventus restano vigili, fino a marzo Donnarumma non si legherà a lungo al Milan.