Commenta per primo

"Fantacalcio". Claudio Ranieri commenta così le voci su un possibile ritorno all'Inter di Eto'o. L'allenatore nerazzurro ha dichiarato in conferenza stampa alla vigilia dell'anticipo a Catania: "La sosta è stata positiva, i ragazzi che avevano piccoli problemi si sono potuti allenare meglio. Thiago Motta è disponibile, anche se non ha ancora i novanta minuti nella gambe. Sneijder  sta molto meglio, a Lille ci sarà. Spero che in Francia ci sia pure Julio Cesar , sentiva ancora qualcosa e preferisco non rischiarlo. Coutinho  ha avuto un risentimento ieri nell'ultimo cross, non so se saranno 15 o 20 giorni. Peccato per Forlan, si tratta di una cosa abbastanza seria e lunga".

"Montella  era un amico prima ed è un amico anche adesso, non mi fa nessun effetto. Non scarto a priori Zarate  trequartista, né Castaignos dietro a Pazzini e Milito. Chivu ? L'ho tenuto a riposo per la Champions perché ha un problema alla caviglia e, cercando di proteggerla, ha caricato troppo sull'altra. Vuole giocare centrale? Lo dice ogni anno, è il suo kharma. E poi l'Inter ha vinto tanto con lui a sinistra. Mazzarri ha detto che il Napoli è stato penalizzato con noi? Ognuno tira acqua al suo mulino, ormai è passata e non ci penso più. Sono felice che mi sia stata tolta la squalifica, gridavo perchè ad un metro non ci si sentiva. Sapevo di non aver offeso l'arbitro".

"Il ritorno di Eto'o solo una suggestione? Sono contento degli attaccanti che ho. E' dal 2003 che gli vado dietro, da quando stava al Maiorca, ma questo è fantacalcio e mi concentro sulla gara di domani. Non ne abbiamo parlato a Mosca. Le parole di Benitez? Lasciano perplessi, anche deontologicamente un allentore andato via dovrebbe starsene zitto. La reazione dei giocatori? Pensano a tutt'altro".