Non si sbilancia Claudio Ranieri alla vigilia della sfida con il Milan: "Penso positivo, l'Inter è pronta. Il Milan ha vinto il campionato, è una squadra che rispettiamo tantissimo. Julio Cesar? Per il momento le sensazioni sono positive, ma mi auguro che lo sia anche domani perché quando c'è di mezzo la schiena bisogna stare sempre attenti. Io comunque sono positivo. Sneijder? on so se ha la giusta autonomia perché non gioca da tanto. Ha recuperato e mi fa piacere. Stanno bene anche Forlan e Chivu. Peccato per Stankovic che ha un problemino al tendine d'Achille sinistro avvertito stamani. Mi spiace perché stava lavorando bene. Comunque adesso siamo in un periodo con molta abbondanza di scelta e per un allenatore poter scegliere è positivo".
 
Poi sulla partita di domani, etichettata come decisiva: "Onestamente più volte ho detto “voglio vincere questa partita perché è quella della svolta”. E' successo con il Napoli, con la Juventus e altre volte. Tutta sanno com'è finita... Questa partita è importante per i tre punti e non perché qualcuno la definisce uno scontro diretto. Se noi vinciamo, ci rimettiamo in corsa per un qualcosa di importante. Se perdiamo, torniamo dove stavamo prima, anzi un po' meglio, perché questa è stata una stagione travagliata. E' un derby e ce lo giochiamo con la voglia di far bene. I tifosi stiano tranquilli: lotteremo dal 1' all'ultimo minuto e su ogni pallone. Cercheremo di non far fare al Milan quello che sa meglio e poi vinca il migliore".
 
Capitoli Jonathan, Chivu e Tevez: "Jonathan all'inizio giocava, ma poi si è fatto male. Faraoni ha giocato e si è messo in mostra. Meglio che Jonathan vada a giocare, così lo vedo. Se fosse stato a vedere gli altri per tutta la stagione, non sarebbe stato positivo. Né per lui né per noi. Tevez? Di mercato sapete, non parlo. Chivu? A me piace da tanto perché lo volevo al Chelsea. Se resterà però va chiesto alla società e al giocatore".
 
L'Inter punta ancora allo Scudetto: "Solo la matematica mi può togliere l'idea di puntare in alto, di vincere. Io lavoro con questo chiodo fisso".