52
Megan Rapinoe, capitano e star della nazionale americana femminile di calcio, parla di Donald Trump e dell'assalto al congresso dello scorso 6 gennaio: "Si è trattato di un attacco dettato dagli umori del suprematismo bianco e dalla volontà di difendere la supremazia bianca. Speriamo che si sia trattato di un ultimo colpo in grado di far capire alle persone che siamo arrivati a questo punto perché non c'è mai stato un processo di comprensione e riconoscimento su cosa sia realmente questo paese. Credo che abbiamo mostrato i veri colori dell'America, non è la pima volta che assistiamo a una folla assassina come questa". 

"Tutti questi appelli all'unità e a pensare ad andare avanti non possono prescindere dal fatto che deve essere fatta giustizia. Se non puniamo i responsabili e non facciamo una inchiesta approfondita, non faremo altro che incoraggiare altri a fare altri attacchi come quello".