Commenta per primo

"Nessuno era autorizzato a ritirarsi dal campo. Non competeva loro farlo, ma la decisione era rimessa all'arbitro. Solo lui puo' decidere di sospendere la partita". Cosi' Antonio Sorano, Direttore Generale del Casale in collegamento telefonico con Sky Sport24, sulla decisione della squadra Berretti di lasciare il campo nel corso del match casalingo con la Pro Patria per delle presunte offese a sfondo razziale di un giocatore bustocco nei confronti di Ribeiro del Casale. "La societa' stigmatizza il fatto che alcune persone abbiano deciso di lasciare il campo ed e' solidale con la Pro Patria che non puo' essere massacrata mediaticamente con l'accusa di razzismo - prosegue il Dg del Casale -. Se frasi di matrice razzista sono state dette nei confronti di un nostro calciatore, sono sicuro che la Pro Patria, se sara' acclarato il fatto, sapra' intervenire nei confronti di un suo tesserato".