37
Ante Rebic questo derby poteva davvero giocarlo con la maglia dell'Inter. Perché è stato vicinissimo a giugno prima, a fine agosto poi, incroci di mercato che capitano ormai spesso; l'inserimento del Milan è stato forte e convinto, sponsorizzato da Zvonimir Boban per le qualità morali e umane del croato oltre che per la sua tecnica ritenuta perfetta da adattare al calcio di Giampaolo. Sì, Rebic si è ambientato alla grande e vuole conquistare il Milan nel derby, l'occasione giusta per stupire. Che sia da titolare o meno: si allena benissimo, a Verona ha avuto un impatto positivo e adesso è l'ora di accelerare.


PROMESSA SUL RISCATTO - Per questione di tempistiche ristrette, Milan e Eintracht Francoforte al momento della definizione dello scambio di prestiti con André Silva non hanno stabilito una cifra ufficiale per il diritto di riscatto. Ma anche in questi giorni, nei nuovi confronti che ci sono stati tra la dirigenza rossonera e l'entourage del giocatore, Rebic ha avuto garanzie che l'intenzione della società è quella di procedere al riscatto perché si è investito con grande convinzione su di lui. Una sorta di rassicurazione: non c'è da preoccuparsi, non si torna indietro, Ante deve solo pensare a prendersi il Milan perché l'acquisto definitivo diventerà poi una conseguenza. Il derby è in arrivo, Rebic vuole prendersi la sua vendetta. Via libera, per il riscatto c'è tempo.