Commenta per primo

Intervenuto telefonicamente durante la trasmissione 'Tribuna Amaranto' in onda su TeleReggio, il difensore della Reggina Antonio Marino ha espresso il suo punto di vista sul tanto discusso atteggiamento della squadra, prima più propositivo, poi più attendista: 'Durante questa stagione abbiamo cambiato atteggiamento tattico diverse volte. All'inizio eravamo una squadra più offensiva, che creava tanto ma subiva altrettanto. Poi siamo diventati una squadra più attendista, che difendeva e ripartiva in contropiede. E così abbiamo vinto su campi difficili come Brescia e Livorno. Ora stiamo cercando il giusto mix. Siamo una grande squadra. Ma il campionato di B ogni giornata ti propone qualcosa di diverso. Anche il Torino ha pareggiato a Crotone. Le grandi squadre quando non possono vincere almeno pareggiano. Vista la non bellissima serata di lunedì, il punto va bene'.

Marino ha negato l'ipotesi di un calo atletico da parte della squadra: 'Stiamo tutti bene. Questo purtroppo è un modulo che per farlo bene richiede una grande intensità e grande sacrificio. Magari in certi momenti ci viene meno e veniamo schiacciati. Però quando la squadra gira mettiamo sotto chiunque. Capita come lunedì che l'avversario metta in campo maggiore intensità e ti metta in difficoltà'. Ora, mente rivolta alla sfida di sabato, al Bentegodi: 'Il Verona è una squadra forte che viene da cinque risultati utili consecutivi. Di solito con chi arrivava da risultati positivi abbiamo fatto sempre fatto bene, come con Varese, Bari e Livorno. Stavolta andiamo a giocarci la partita con l'intenzione di prenderci tre punti. Staccare il Verona di tre lunghezze sarebbe importante. Anche perché dopo c'è la Samp, e abbiamo intenzione di dare continuità prima della sosta'.