25
La regina, in Italia, è sempre la Juventus, ormai stabilmente nella top ten europea alle spalle delle “solite” big, di cui sembra persino correre più veloce. Nessuna vittoria sul rettangolo verde: a incoronare la Vecchia Signora, in questo caso, sono i risultati raggiunti sul campo virtuale dei social network, sempre più fondamentale per il coinvolgimento dei tifosi – soprattutto in questi tempi di isolamento forzato – e per la visibilità delle squadre. A rivelarlo è la 30esima edizione del report a cura di IQUII Sport, azienda leader nel settore della trasformazione digitale sportiva. Report che non ha mancato di regalare qualche sorpresa, portando formazioni nostrane di medio-bassa classifica come il Benevento, lo Spezia e il Genoa, ma persino società del campionato cadetto, ad occupare i primissimi posti in alcuni specifici ranking.

LE SORPRESE - Secondo l’indagine, che per valutare le variazioni ha posto il focus sul periodo compreso fra il 13 novembre e il 14 dicembre, il club giallorosso di Filippo Inzaghi è balzato sul quarto gradino del “podio” a livello europeo – e al primo in Italia, davanti al Napoli e allo Spezia – per tasso di crescita complessiva sui social network (+6.42%), grazie soprattutto alla “spinta” dei follower su Instagram (+8.50% in un solo mese); su Twitter si è distinto anche lo Spezia neo-promosso (+2.45%), mentre su YouTube l’incremento maggiore tra le italiane è quello registrato dal Genoa (+11.18%), al 6° posto europeo.
LA 'SECONDA' EUROPA - Tra le squadre di seconda divisione del Vecchio Continente, a trionfare in pressoché tutte le classifiche nel periodo citato è il Monza di Berlusconi e Galliani, “medaglia d’oro” assoluta dei social con una vistosa crescita del 13.65%, forse dovuta anche al contestuale arrivo di Balotelli: con un +18.65% su Instagram, un +9.86% su Twitter e un +6.76% su Facebook, il club lombardo ha nettamente sbaragliato la concorrenza di realtà di pari livello come l’UD Almeria (+4.01%) e il Grenoble (+3.24%). Tra le italiane, a rimanere in scia è soprattutto il Pordenone, al 7° posto per tasso di crescita sui social (+1.95%) con un notevole +4.30% su Facebook (3° posto).

LE REGINE - Ma veniamo ora alle “vere” regine: in Italia i primi tre gradini del podio social sono sempre occupati da Juventus, Milan e Inter: in tutte le classifiche il club di Suning resta fermo alle spalle dei rossoneri, scavalcati dai rivali nerazzurri solo grazie ai follower raccolti su Facebook. Complice anche “l’effetto CR7”, che negli ultimi anni ha dato ai bianconeri di Torino la spinta decisiva verso un percorso di crescita già ben avviato, la squadra di Andrea Pirlo è ora al quarto posto in Europa per numero di seguaci sui principali network virtuali (incluso TikTok, dove è salita del 7.34%) dietro a Barcellona, Real Madrid e Manchester United, con un miglioramento complessivo dell’1.30% contro il + 0.67% dei catalani e il +0.50% dei blancos: su Instagram solo le due big spagnole sono davanti al club di Andrea Agnelli, unico italiano nella generale top ten europea fatta eccezione per il 10° posto del Milan con il suo account Twitter.
Qualcosa da rivedere al Var? No, i numeri parlano da sè...