21
La Champions League di nuovo sotto la minaccia del coronavirus: sospeso a metà marzo e poi riprogrammato ad agosto in Portogallo, l'evento faro del calcio europeo rischia a causa delle misure di confinamento rientrate in vigore a Lisbona. L'Uefa ha comunque scartato qualsiasi piano B: "Speriamo che tutto vada bene e che sia possibile organizzare il torneo in Portogallo. Per il momento, non c'è motivo di pianificare un piano B" ha detto un portavoce. Le disposizioni entrate in vigore non incoraggiano l'ottimismo: gli abitanti di 19 distretti nella periferia nord di Lisbona, dove persistono focolai di Covid-19, sono di nuovo confinati in casa. In totale, circa 700.000 residenti sono in quarantena per almeno due settimane. Con una media di 321 nuove infezioni al giorno, il numero di nuovi casi segnalati in Portogallo è aumentato di un terzo a giugno rispetto a maggio. I nuovi casi rimangono in gran parte concentrati nella regione di Lisbona, che ospiterà la fine della Champions dal 12 al 23 agosto.