8
"Riviere" in francese significa fiume. Un corso d'acqua che scorre, scivolando a mare, e bagnando differenti territori lungo il suo corso. Emmanuel Riviere, attaccante francese di origini della Martinica, rende onore al proprio cognome, in una sorta di "nomen omen" adattato al mondo del calcio. Il classe 1990 del Crotone, ieri in rete alla prima giornata a Marassi nel 4-1 patito dai suoi contro il Genoa, ha "bagnato" i maggiori campionati d'Europa. Con i suoi gol.

IL GIRAMONDO DEL GOL - L'eterna promessa, cresciuta nel Saint Etienne e sbocciata nel Monaco, ha infatti giocato in quattro dei top-cinque tornei del Vecchio Continente, ad eccezione della Bundesliga, trovando la rete in ben tre di questi: 41 gol nella Ligue 1 francese, 1 gol nella Premier League inglese e ora anche in Serie A, con la maglia dei pitagorici.. Solamente nella Liga spagnola, dove ha vestito la maglia dell'Osasuna per una stagione, è rimasto a secco: un fiume in piena, un giramondo del gol che però ha trovato casa e sorriso in Calabria.

DALLA GLORIA DEL MONACO ALLA CRISI DEL NEWCASTLE - Scoperto giovanissimo dai preziosi talent scout dell'ASSE, viene lanciato appena maggiorenne in prima squadra, prima di passare al Tolosa ed esplodere definitivamente nel Monaco, attirando su di sé l'attenzione dei maggiori club europei: è l'ambizioso Newcastle ad aggiudicarselo, ma nei Magpies, complice anche qualche infortunio di troppo, l'"enfant prodige" non riesce a confermarsi, finendo prima in prestito a Pamplona e ripiegano sul ritorno al Metz, in patria.
L'ARRIVO A COSENZA E LA SALVEZZA DEI 'LUPI' - La sua carriera sembra potersi interrompere e finire nel dimenticatoio a soli 29 anni, ma è il Cosenza ad offrirgli un contratto annuale e la possibilità di rilanciarsi in Serie B. Tanti i dubbi sulla possibile resa dell'ex stellina francese in un contesto difficile come quello della società calabrese, costretta a lottare per una salvezza che a un certo punto della stagione sembra impossibile: invece Riviere si rivela il trascinatore dei Lupi, totalizzando 31 presenze in campionato e segnando la bellezza di 13 gol, decisivi  per la permanenza nella categoria cadetta.

IL SOGNO SALVEZZA COL CROTONE - Il resto è storia recente dopo essere rimasto svincolato, si accorda con il Crotone, società "amica" proprio del suo ex club nonostante la vicinanza e neopromossa in Serie A, con il quale firma un contratto di 2 anni. L'obiettivo ora è conquistare una difficile salvezza nella massima serie, impresa non facile, ma nulla è impossibile per un fiume in piena.

.@AleDigio89