48
Via-vai in casa Roma. Sarà un'altra estate calda in casa giallorossa, oltre alle spinose situazioni legate a Totti e De Rossi, Pallotta e il direttore sportivo (sarà ancora Sabatini?) devono risolvere il futuro di Pjanic e Dzeko. Il centrocampista bosniaco è sul piede di partenza, nonostante un contratto in scadenza nel 2018. Al suo agente sono arrivate richieste da Barcellona, Chelsea e Paris Saint-Germain, chi lo vuole deve trovare l'accordo economico con il giocatore e pagare la clausola rescissoria di 38 milioni di euro, una cifra tutt'altro che esagerata.Pallotta nei gorni scorsi ha escluso l'addio dell'ex Lione, i segnali che arrivano dalla Capitale lasciano intendere l'opposto.

IDEA FALCAO - Con Pjanic potrebbe fare la valigia un altro bosniaco in rosa, Edin Dzeko. La Roma, che l'ha pagato un'estate fa 15 milioni di euro dal Manchester City, l'ha messo sul mercato, con l'obiettivo di fare cassa e di tagliare l'ingaggio da quasi 10 milioni di euro lordi all'anno, fino al 2020. Per sostituirlo resta in piedi l'ipotesi Radamel Falcao, proposto da alcuni intermediari. Radamel, che è stato soprannominato Falcao dal padre, che stravedeva per il Divino della Roma, dopo l'infortunio ai legamenti del ginocchio rimediato nel gennaio 2014 con la maglia del Monaco, non è tornato ad esprimersi sui livelli di Porto e Atletico Madrid. Ma potrebbe essere un'occasione di mercato. I problemi principali sono rappresentati dallo status da extracomunitario e dallo stipendio da 7 milioni di euro netti, fuori portata per la casse giallorosse. Falcao a giugno lascerà il Chelsea per tornare al Monaco, dove sarà solo di passaggio. L'Italia resta un'opzione.