63
Benatia domani sarà ufficialmente un giocatore del Bayern Monaco, dopo una sola stagione - ma che stagione - vissuta nella Roma. Un club che ha saputo valorizzarlo e venderlo al doppio rispetto alla cifra versata nelle casse dell'Udinese. Il difensore, a parità di Champions, ha scelto i soldi. Un milione e mezzo in più all'anno di quanto avrebbe percepito nella capitale. La decisione di andare via l'ha presa a maggio, quando ha rifiutato la proposta di adeguamento della Roma, e l'ha confermata la settimana scorsa nonostante l'offerta del d.s. Sabatini prevedesse il raddoppiamento dell'attuale ingaggio.

LO SPOGLIATOIO CONTRO BENATIA - Il secondo 'no al contratto' gli è stato fatale: di colpo si è messo contro i tifosi ma sopratutto la squadra, che fino a quel momento erano stati dalla sua parte. Nessuno (in primis Totti) ha condiviso il suo atteggiamento che ha creato dei malumori nello spogliatoio, sopratutto in vista della prima partita contro la Fiorentina. Negli ultimi giorni Rudi Garcia è stato costretto a testare De Rossi al centro della difesa per la contemporanea assenza di Castan. Esperimenti che non avranno seguito se Manolas nei prossimi allenamenti dimostrerà di essere in forma. Entro la fine del mercato, il d.s. Sabatini proverà a rinforzare ancor di più il reparto acquistando uno tra Chiriches, Balanta e Basa, per poi girare Romagnoli in prestito alla Sampdoria.