12
"Ho chiesto al presidente di risolvere il mio contratto al 30 giugno senza buonuscite e lui si è dimostrato disponibile ma al momento è una cosa marginale". Walter Sabatini ha annunciato il suo addio alla Roma nel pre-gara dell’Olimpico. I rapporti tra l’esperto dirigente e la proprietà americana si erano deteriorati da tempo: indiscrezioni raccontano di un certo fastidio per la presenza di Alex Zecca, socio di Pallotta, nelle riunioni di mercato. Il presidente giallorosso non si fida più del suo uomo mercato, ripetutamente punzecchiato per aver ritardato la partenza di Garcia. La stato maggiore capitolino ha già iniziato i primi colloqui alla ricerca di un nuovo direttore sportivo. Piace, e molto, il profilo di Marcello Carli. Ad Empoli ha lanciato una miriade di talenti, bravo nel fare da collante tra società e spogliatoio e capace di ottimizzare le risorse che gli vengono date. Secondo quanto appreso da Calciomercato.com, ci sarebbero stati già dei contatti tra le parti e quello di Carli è il nome più caldo.

DA BERTA A LO MONACO – Un profilo affermato di livello internazionale: Andrea Berta medita il ritorno in Italia. L’attuale direttore sportivo dell’Atletico Madrid è il piano ambizioso di Pallotta. Difficile ma non impossibile, anche la Fiorentina pensa all’ex Parma. Più lontane le piste che portano a Corvino e Perinetti che si sono proposti nelle scorse settimane. 
GLI OTUSIDER – Federico Balzaretti gode della massima stima da parte della proprietà tanto che negli ultimi giorni è stata lanciata anche la sua candidatura. Diplomatosi a dicembre nel corso di Coverciano da direttore sportivo, Balzaretti porterebbe con sé l’ex Catania Pietro Lo Monaco. Non convince la limitata esperienza ma è una situazione da tenere in considerazione. Così come Filippo Fusco, il nome a sorpresa intercettato in esclusiva da Calciomercato.com. Sarebbe stato proprio Sabatini a caldeggiare l’ex Napoli e Bologna con un passato, di successo, da intermediario internazionale. Il casting è iniziato, cinque nomi per il dopo Sabatini con Carli che guadagna posizioni nella corsa alla poltrona da direttore sportivo della Roma.