Commenta per primo

Walter Sabatini interviene sul caso De Rossi. Il direttore sportivo della Roma ha dichiarato a Radio RAI: "Oltre a essere un grandissimo calciatore, solitamente De Rossi non commette errori di questo tipo e negli ultimi mesi è sceso in campo anche in una situazione fisica non ottimale. Il valore che ha attribuito Luis Enrique a questo ritardo è quello di una maniera errata di approcciare la partita, ecco perché ha detto che non era pronto per giocare. Bastava una multa? Abbiamo pagato dazio indubbiamente, ma abbiamo richiesto questo sistema di valori all'allenatore e se vogliamo costruire qualcosa di importante dobbiamo andare avanti su questa strada".

"Come hanno reagito i compagni? Con un po' di sconcerto, anche perché riguardava un giocatore trainante, però la squadra si è abituata nel tempo a sapere che ci sono conseguenze dopo certi comportamenti. Ma attenzione la Roma è liberale, siamo una delle poche squadre che non fa ritiro e parte spesso lo stesso giorno della trasferta, però i giocatori sanno che in alcuni casi non ci sono deroghe".

"Siamo vittime di una situazione tecnica oscillatoria, passiamo da una partita ben giocata come quella di Parma a quella inadeguata di ieri a Bergamo. Sappiamo che il percorso è duro, ci stiamo consegnando alla mediocrità e dobbiamo toglierci questo pensiero. La gioventù non giustifica le prestazioni negative, non ho mai pensato che essere giovane significa perdere le partite e non essere all'altezza. Dobbiamo resettare tutto in vista del derby con la Lazio".