5
Scrivanie italiane dopo il “pericolo” Campos e pure la panchina dovrebbe parlare la nostra lingua. La Roma sta studiando il piano del futuro che dipenderà ovviamente dalla qualificazione in Champions. Nel management di Trigoria, però, ci sono diverse linee di pensiero. Da una parte il consulente Baldini, dall’altra la coppia Totti-Massara. Ecco le possibili scelte per il ruolo di allenatore.

SOGNO CONTE  - Se ne parla da mesi, anche se sarà difficile convincere il tecnico salentino (“Non ho ancora deciso, andrò dove ci sarà il miglior progetto”). I primi contatti risalgono a dicembre quando Totti lo contattò per conto del club. Conte posticipò ogni eventuale discorso in estate e nelle ultime settimane c’è stato più di un colloquio formale. Sull’ex ct azzurro, però, ci sono pure Juve, Bayern e Inter. Difficile vincere la concorrenza e difficile pagare il lauto ingaggio di Conte, a meno che il “progetto” non riguardi un futuro qatariota…

ATTESA SARRI - È il preferito da Baldini e in effetti sarebbe il giusto mix di esperienza e bel gioco. Concetti fondamentali per il progetto giovani della Roma. Anche con l’ex tecnico del Napoli c’è stato qualche incontro, e di certo avrebbe meno pretese economiche e di mercato di Conte. Tutto, però, dipende dal Chelsea. Il club inglese, dopo qualche tentennamento, potrebbe confermare Sarri in caso di qualificazione in Champions. Se invece dovesse mollarlo, la Roma sarebbe in prima fila per portarlo nella capitale.

MERITO RANIERI - Attenzione a una pista che si è scaldata nelle ultime ore. Quella clamorosa di una conferma di Ranieri sulla panchina in caso di quarto posto. Il tecnico romano è stimatissimo da Totti, piace ai giocatori e potrebbe essere il maxi traghettatore della Roma fino all’arrivo di un top allenatore tra due stagioni. Fin qui Ranieri ha riabilitato una squadra a pezzi portando quella normalità che è mancata negli ultimi anni. Sia a livello di spogliatoio, sia tattico sia mediatico. Attenzione quindi all’immortale Claudio.

PIANO VERDE - Fin qui abbiamo parlato di tre big, ma la storia recente insegna che la proprietà americana si affida spesso a nomi a sorpresa (Luis Enrique, Di Francesco, Garcia). Per questo non va affatto trascurata la pista che porta a Giampaolo. Il tecnico della Sampdoria piace tantissimo a Baldini che lo mette solo dietro Sarri e potrebbe rivitalizzare il patrimonio (economico) Schick. Già due anni fa Giampaolo fu vicinissimo ai giallorossi, l’occasione per il grande salto potrebbe essere arrivata. Perdono terreno, invece, le candidature di Gasperini e Gattuso.