34
Fino a tre giorni fa sembrava tutto fatto. L’accordo totale con Maitland-Niles e la disponibilità dell’Arsenal alla cessione d’altronde erano motivi più che validi per rassicurare la Roma. Nelle ultime ore, però, l’arrivo del terzino dell’Arsenal è tutt’altro che certo. Ci sono alcuni ostacoli che hanno frenato l’entusiasmo di Tiago Pinto. I Gunners, infatti, intendono far partire l’inglese solo con la formula dell’obbligo di riscatto e a non meno di 15 milioni di euro. Troppi per la Roma che è disposta ad arrivare a 10. Una forbice che i giallorossi contano di accorciare tant’è che filtra ancora ottimismo.

ALTERNATIVA - Nel frattempo però Mourinho si aspetta rinforzi il prima possibile e per questo Pinto avrebbe pronto il piano B che risponde al nome di Almamy Touré, maliano ma naturalizzato francese (e quindi comunitario) dell’Eintracht Francoforte. Terzino destro puro ha 25 anni, ha fatto parte della Francia under 21 ma da un anno è finito in panchina disputando in questa stagione appena 3 partite da titolare in Bundesliga. Strada spianata per un eventuale trattativa quindi col Francoforte disposto a lasciarlo partire in prestito con diritto di riscatto fissato a meno di 8 milioni. Il suo arrivo non chiuderebbe poi la porta a un extracomunitario che potrebbe essere Loftus-Cheek a centrocampo (viste le difficoltà per Kamara) o il 19enne Wellens del Manchester United che piace tanto a Mourinho.