60
Alessandro Florenzi torna in Nazionale e forse torna pure a giocare dopo un mese anomalo passato a incitare i compagni dalla panchina. Il capitano della Roma, inamovibile fino a qualche settimana fa, è ormai una riserva di lusso nel club al quale aveva giurato eterno amore appena un anno fa. Anche col Parma, però, Florenzi è rimasto a guardare. Ed è successo per la sesta volta di fila. Nonostante l’evidenza stanchezza dei suoi compagni.

SCELTA TECNICA -  Fonseca non lo vede terzino, ormai questo è evidente visto che gli preferisce pure Santon, uno degli “epurati” del mercato estivo. Ma anche davanti il portoghese - che non ha gradito anche alcuni comportamenti di Florenzi - gli preferisce i vari Under, Kluivert, Perotti ecc.. Anche a centrocampo, Fonseca ha  azzardato Mancini piuttosto che schierare Florenzi che quel ruolo lo aveva ricoperto anni fa. Una bocciatura totale, col resto del gruppo che resta a guardare. L’unica gara giocata per 90’ da Florenzi è stata contro l’Atalanta. Dopo la Samp, gara in cui è stato il peggiore, la situazione è precipitata. 

FUTURO - Già a gennaio Florenzi potrebbe fare le valigie, anche perché l’Europeo è sempre più vicino e l’azzurro non vuole rischiare di restarne fuori. In Serie A lo vogliono in tanti: Inter e Fiorentina su tutti. Pure Milan e Cagliari. Ma pure fuori dai nostri confini ci sarebbe il Lione di Garcia pronto a riabbracciarlo. Infine lo Shanghai Shenhua, la squadra dell’amico El Shaarawy che lo sponsorizza fortemente. Insomma le alternative non mancano nonostante l’evidente calo di rendimento. Già in estate, d’altronde, la Roma aveva provato a cederlo senza successo. Florenzi rifletterà insieme al suo agente e, al momento, in modo saggio non ha voluto creare polemiche.