Commenta per primo
Ecco le parole del tecnico della Roma Paulo Fonseca in conferenza stampa a 24 ore dalla sfida di Europa League con l'Istanbul Basaksheir.

Che competizione è l'Europa League?
E' una competizione importante per noi. Il primo obiettivo è superare il girone, vogliamo poi andare il più lontano possibile. La affrontiamo con ambizione. 

In vista dei tanti impegni pensa al turn over massiccio oppure no?
Sto pensando a qualche modifica, ma devono essere cambiamenti che danno garanzia di vittoria. Non posso ovviamente non pensare ai prossimi impegni. 

Pastore è inserito nelle rotazioni. Cosa si aspetta da lui? 
Dobbiamo comprendere i tanti infortuni dello scorso anno, ma sta tornando al top. E' un giocatore di qualità, intelligente e tecnicamente superiore e che può risultare utile alla squadra. La speranza è che stia bene. Dal primo giorno che sono qui si è comportato da professionista. 

Nel secondo tempo col Sassuolo si è visto un po' di calo fisico...
Ritengo che la squadra stia bene fisicamente. Col Genoa abbiamo finito in crescendo, col Sassuolo avevamo tanti giocatori che venivano dalle nazionali. Però la squadra sta bene, ha reagito bene. 

Pellegrini ha giocato bene sulla trequarti, può continuare lì magari spostando Zaniolo a destra?
E' vero ha giocato una grande partita in quel ruolo, ma ha grande duttilità. Lo stesso vale per Zaniolo che può ricoprire tutti i ruoli d'attacco. Mi limito a dire che avere giocatori duttili è un fattore positivo. 

Anche in porta ci sarà turn over?  E Kalinic può giocare?
Kalinic non è al top fisicamente, non ha i 90' nelle gambe. Sul resto non darò indicazioni. 

Kluivert sta crescendo molto.
E' evidente che questo modo di giocare e di attaccare la profondità può esaltare Kluivert. Col Sassuolo ottima partita, ma aveva giocato bene anche le prime due. La sua velocità è un'arma importante e il gol gli ha dato fiducia. 

Che idea si è fatto dell'avversario di domani? Ricorda Under quando lo affrontò con lo Shakthar?
Devo confessare che non ho ricordi particolari di Under in quella sfida anche perché la mia squadra aveva dominata. L'Istanbul ha giocatori di grande esperienza e negli ultimi anni ha sempre conteso il titolo alle grandi di Turchia. Merita massima attenzione.