16
Paulo Fonseca, allenatore della Roma, parla in conferenza stampa alla vigilia della sfida con la Juve di domani sera. "Penso solo alla Juventus", dice il tecnico, che poi aggiunge: "Se da qui a domani sera non cambia nulla vi dò la formazione. Se non succede niente entro domani". Poi su Edin Dzeko, alla fine rimasto a Roma: "Ho parlato con Dzeko molte volte nelle ultime ore ed è davvero motivato. Si è allenato molto bene in questi giorni e domani giocherà. Non è vero che a Verona si è rifiutato di entrare in campo. La nostra punta è lui, mi è piaciuto Micky come numero 9, ma se abbiamo Edin non ha senso avere qualcun altro lì​".


LA FORMAZIONE ANTI JUVE - A una domanda sulle possibilità di scendere in campo di Kumbulla, Fonseca risponde annunciando l'intera formazione: "La squadra di domani sarà: Mirante; Santon, Mancini, Ibanez, Kumbulla, Spinazzola, Veretout, Pellegrini, Mkhitaryan , Pedro e Dzeko".

SU FRIEDKIN -
"Parlo tutti i giorni con i Friedkin, stiamo lavorando per fare una squadra più forte. L'obiettivo è fare meglio della scorsa stagione".

SU BRUNO PERES E KARSDORP - "Bruno si è allenato con noi questa settimana, non è pronto dall'inizio. Karsdorp ha lavorato individualmente ieri, ma non è pronto". 
SULLA PARTITA CON LA JUVE - "Noi non vogliamo modificare la nostra identità solo perché giochiamo con la Juve. Vogliamo pressare alto, ma essere anche equilibrati. La Juve è molto forte, dobbiamo essere equilibrati. Presseremo solo quando avremo la possibilità".

CENTROCAMPO CON PELLEGRINI - "Con Pellegrini possiamo uscire più veloci e avere un uomo più vicino all'attacco".

LA JUVE DI PIRLO - "La Juve ha un allenatore giovane, con un grande futuro. Sono una squadra più dinamica, con movimenti diversi e mi è piaciuta molto. Pressano forte, principalmente sulle fasce".