Commenta per primo

 

Si parla di difensori. Si chiac­chiera di attaccanti. Ma centrocampisti no? Eppure precampionato e prime due partite ufficiali della stagione, hanno evidenziato in maniera piuttosto incon­trovertibile come la nuova Roma ameri­cana abbia bisogno al­meno, e sottolineiamo almeno, di un centro­campista per dare maggiore solidità a un reparto dove, De Ros­si a parte, fin qui c’è stato detto che Taddei non serve, Brighi pu­re, Pizarro quasi. E’ ormai il ventotto agosto, crediamo non ci sia più tempo da perdere.
 
GUARIN -Il colombiano del Porto è un gio­catore che piace, e pure parecchio, al ds Sabatini che lo considera l’intermedio giusto da affiancare a De Rossi, meglio anche di Fernando ( sempre del Porto) che è visto più come un doppione del biondo centrocampista. Solo che il club portoghese, come ormai ha insegnato da anni, è uno di quelli che i suoi giocatori (e pure gli allenatori) se li fa pagare, al­trimenti arrivederci e grazie. Circa un mese fa, la Roma ha chiesto al Porto la quotazione del centrocampista colom­biano, la risposta è stata venti milioni. Ein questo caso è stato il club giallorosso a dire arrivederci e grazie. Ora, nei gior­ni scorsi, il ds Sabatini è tornato a chie­dere il prezzo di Guarin scoprendo che si è abbassato e pare neppure di pochissi­mo. Ecco perché, nel caso eventuali al­tre operazioni in entrata e in uscita non dovessero costare nulla al club gialloros­so, Guarin può esse­re il centrocampista a sorpresa che arrivaa Trigoria.
 
PJANIC -Il bosniaco, con passaporto lus­semburghese, è un altro di quei giocato­ri che Sabatini sta se­guendo con un certo interesse. Del resto il giocatore, classe 1990, ha qualità mol­to interessanti e tra queste quelle di pun­tare con frequenza e piacere la metà campo avversaria, caratteristica che non dispiace per niente a Luis Enrique. Uf­ficialmente il giocatore (che ieri sera ha segnato con il Lione) è stato offerto alla Roma con una richiesta di dieci milioni. Considerati troppi dalla dirigenza roma­nista. In ogni caso quello di Pjanic è un nome da non cancellare tra i possibili centrocampisti in giallorosso.
 
REAL -Dicendo Real e pensando al cen­trocampo della Roma, il nome più nor­male da fare è quello dell’argentino Ga­goper il quale nei giorni scorsi la socie­tà giallorossa ha fatto più di una telefo­nata. Sembrava un affare da concluder­si positivamente, ma da ieri le quotazio­ni dell’argentino ci sono state segnalate in calo perché il club spagnolo non vuo­le prendere in considerazione l’ipotesi del prestito. Del resto Gago, colpevole di aver detto in un’in­tervista che il Barcel­lona vince perché gio­ca meglio del Real, di fatto è stato messo fuori rosa da Mourin­ho che non lo vuole proprio più vedere. Al Real, però, non c’è il solo Gago nel mirino della Roma. Piace ai giallorossi, infatti, anche Lassana Diarra che ha chiesto al Real di essere ceduto perché teme di giocare poco e niente. Il centrocampista francese è nel mirino anche del Totten­ham dove però andrebbe solo nel caso il club di Londra vendesse Modric. In ca­so contrario, gli starebbe bene anche l’ipotesi di un trasferimento alla Roma dove avrebbe la garanzia di giocare con una certa continuità. Ma, pure qui, c’è il problema della formula dell’acquisto, la Roma lo vorrebbe in prestito, il Real vorrebbe incassare per il cartellino. In più c’è il fattore ingaggio che per Diar­ra dice quasi quattro milioni di euro.
 
Il Corriere dello Sport