I tifosi romanisti sono abbondantemente vaccinati a certi sussulti cardiaci. Hanno vissuto il melodramma della Coppa Campioni al Liverpool, si sono ingollati la beffa del Lecce, hanno digerito il crollo di Jena. Figuriamoci se possono traballare per una rimonta del Chievo, che chiude il primo tempo sotto di due gol e agguanta il pareggio pochi giorni dopo averne presi sei a Firenze. I tifosi romanisti, in un tripudio masochistico, avrebbero addirittura archiviato il 3-2 del Chievo, la sconfitta all’ultimo secondo scongiurata, ironia della sorte, dal vituperato Olsen, il portiere erede del tesoro Alisson, bravissimo nel togliere dal sette un pallone diabolico di Giaccherini.

Il Chievo non recuperava due gol di svantaggio da 99 partite. E volete sapere chi aveva di fronte? Ma è ovvio, la Roma. Certe storie sono scritte sulle stelle. Come il gol lampo di El Shaarawi che fatica a conquistare un posto da titolare ma quando vede il Chievo si eccita: con quello di oggi sono sei i dispiaceri inflitti al piccolo quartiere veronese.

E adesso poveruomo? Vedo Di Francesco molto titubante, quasi avesse previsto il fattaccio. Sia Birsa che Stepinski hanno giocato a crescere mentre il centrocampo romanista andava calando. Nzonzi, voluto fortemente da Monchi, gioca un tempo camminando senza peraltro trovare assistenza in Pellegrini e Cristante. Adesso la Roma vola a Madrid cercando se non altro un po’ di frescura dopo il caldo dell’Olimpico. 

Ricordando notti magiche come quella firmata da Totti, capitano purtroppo a riposo che il 27 settembre celebrerà il suo quarantaduesimo compleanno in una location che farà discutere romanisti e laziali, contesse e populisti, guelfi e ghibellini: il Colosseo: altro che Giaccherini.

Roma-Chievo 2-2 (2-0 primo tempo)

Marcatori: 10' pt El Shaarawy, 30' pt Cristante, 5' st Birsa, 38' st Stepinski
Assist: 10' pt Florenzi, 30' pt Dzeko, 5' st Rigoni

Roma (4-3-3): Olsen; Florenzi (69′ Karsdorp), Manolas, Jesus, Kolarov; Lo. Pellegrini (69′ De Rossi), Nzonzi, Cristante; Under (81′ Kluivert), Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco.

Chievo Verona (4-3-2-1): Sorrentino; Tomovic, Rossettini, Bani, Barba; Rigoni (86′ Depaoli), Radovanovic, Obi (45′ Hetemaj); Birsa (81′ Mehdi), Giaccherini; Stepinski. All. D’Anna.

Arbitro: Mazzoleni

Ammoniti: 74' Rossettini (C), 78' De Rossi (R)