5
Entrambe le squadre si presentano all'Olimpico con il solito modulo: 4-3-3 per la Roma e 3-5-2 per l'Inter. A dispetto di quello che si poteva pensare, non è stata una partita di personalità da parte della squadra di Rudi Garcia  che, pur giocando in casa, non riesce ad imporre il proprio gioco. Bene l'Inter che prima chiude positivamente in fase di non possesso (facendo curare gli esterni alti della Roma con i quinti di centrocampo ) e poi riparte con transizioni veloci che fanno prendere qualche brivido a De Sanctis. Durante il primo tempo è stata una partita molto bloccata in cui le squadre non trovano molti spazi.  Sono da sottolineare le prestazioni del giovane Romagnoli per la Roma che si è adattato bene al ruolo di terzino sinistro e di Alvarez per l'Inter che, in grande spolvero, distribuisce dei buoni palloni a centrocampo e si sacrifica in copertura. Le squadre vanno a riposo sul punteggio di 0-0.

GARCIA, CAMBI PIU'OFFENSIVI - Il secondo tempo ricomincia sulla stessa onda del primo: l'Inter è pericolosa ma le manca l'ultimo passaggio per fare goal. La Roma invece attende ed è pronta a ripartire velocissima con un Gervinho rimasto in ombra per tutto il primo tempo. Rudi Garcia decide di cambiare: al 9' fuori Ljaic, dentro Pjanic e la squadra passa ad un 4-3-1-2. La mossa dell'allenatore franco-spagnolo è azzeccata perché ora la sua è un'altra squadra: molto propositiva e pericolosa. Per infortunio, al 19' finisce la partita di un positivissimo Alvarez sostituito da Hernanes. La partita è bloccata, così Mazzarri al 28' sostituisce Icardi con Botta per avere maggiore qualità a centrocampo e per limitare De Rossi. Secondo me, il tecnico toscano è stato troppo prudente: poteva inserire Milito e cercare di vincere la partita. Che non fornisce grandi emozioni, tranne quando, al 29', Naingolan fa una grande giocata liberando in area Pjanic a cui si oppone Handanovic che ancora una volta dimostra di essere un gran portiere.
Finisce sullo 0-0 una partita equilibrata in cui il primo tempo è stata l'Inter a tenere il pallino del gioco mentre il secondo tempo il gioco si è ribaltato in favore della Roma. È stata una grande sfortuna per Mazzarri l'infortunio di Alvarez perché nel secondo tempo avrebbe potuto alzarlo al posto di Icardi e dietro Palacio. Al posto di Garcia, invece, avrei lasciato in campo Destro, sostituendo Strootman con Florenzi e passando ad un 4-2-3-1 e cercando di costringere i quinti dell'Inter a far rincorrere gli esterni giallorossi in fase di non possesso. In conclusione ritengo i pareggio un risultato giusto.

I MIIGLIORI IN CAMPO: Romagnoli, Pjanic e Nainggolan per la Roma, Alvarez e Handanovic per l'Inter