52
In casa Roma hanno già voltato pagina: con l'arrivo del nuovo presidente Dan Friedkin è pronta una rivoluzione anche nei quadri dirigenziali. L'addio di James Pallotta dovrebbe portare anche all'allontanamento di Franco Baldini, consulente esterno che gestiva il mercato giallorosso. La nuova proprietà è alla ricerca di un direttore sportivo dopo la separazione con Gianluca Petrachi: l'ultima idea dalle parti di Trigoria è quella di Victor Orta, che ha appena conquistato la promozione in Premier League con il Leeds.

IL PROFILO - Dirigente spagnolo da tre anni al Leeds, il profilo di Orta piace alla nuova proprietà che lo valuta con attenzione. E pensare che la sua carriera inizia come collaboratore tecnico prima nel Valladolid poi nel Siviglia, dove nel 2006 diventa direttore tecnico trovando la sua strada: sempre con l'occhio puntato sulle occasioni di mercato, lavora molto sullo scouting per trovare l'intuizione vincente. Dal 2006 al 2013 ha lavorato insieme a Monchi al Siviglia contribuendo alla vittoria di due Coppe Uefe/Europa League e seguendo una politica ben chiara: prendere giocatori a poco prezzo per valorizzarli e venderli a tre, quattro, cinque volte tanto. Poi Orta vola in Russia, allo Zenit, dove piazza subito il colpo Hulk: un acquisto da urlo per lo Zenit e dopo quattro stagioni e quasi 80 gol Orta lo vende in Cina per 55 milioni di euro. Rifiuta un'offerta importante dal Qatar perché per lui i soldi non sono tutto: segue ogni tipo di campionato, studia, prende appunti e fiuta l'affare: "Sono rimasto impressionato dalla sua conoscenza del gioco e dalla sua vasta rete di scouting" ha detto il presidente de Leeds Radrizzani il giorno dell'annuncio. Prima però Orta fa tappa al Middlesbrough, dove fa copia e incolla del lavoro svolto a Siviglia e conquista la promozione in Premier. L'intuizione Karanka come allenatore è la ciliegina sulla torta di un mercato in cui ha portato giocatori come Adama Traoré, Marten de Roon e Gaston Ramirez, tutti rivenduti a un prezzo più alto.
GLI ALTRI CANDIDATI - Orta ha un curriculum niente male che stuzzica le fantasie della nuova Roma. Resta comunque in piedi l'ipotesi Paratici se dovesse lasciare la Juve: il club bianconero smentisce ma i giallorossi vogliono essere presenti se si dovesse aprire uno spiraglio. Gli altri nomi circolati in questi giorni sono due possibili ritorni a Trigoria: il primo è quello di Walter Sabatini, che ha già ricevuto alcune telefonate per sondare il terreno, l'altro è quello di Nicolas Burdisso, che con la Roma ha sfiorato uno scudetto da giocatore e tornerebbe volentieri da dirigente. La Roma volta pagina e cerca un nuovo direttore sportivo: l'ultimo idea è Victor Orta del Leeds.