Edin Dzeko si gode le vacanze, in attesa di definire il proprio futuro. Dopo la partita persa martedì sera a Torino con l'Italia, il centravanti bosniaco ha dribblato una domanda di mercato sull'Inter, dicendo che è "ancora un calciatore della Roma". In effetti ha ancora un anno di contratto fino a giugno 2020 con il club giallorosso, che però non si oppone alla sua cessione. Anzi, è pronto a fare cassa liberandosi di un giocatore di 33 anni con lo stipendio più pesante dell'intera rosa: 4,5 milioni di euro netti a stagione. 

Senza citare Dzeko, il presidente James Pallotta parla così del mercato in uscita sul sito ufficiale della Roma: "Inevitabilmente alcuni se ne andranno e ne arriveranno dei nuovi. Se qualcuno non è dedito alla causa al cento per cento o se c’è qualcun altro che non vuole far parte di ciò che stiamo cercando di costruire, allora andrà via. Dopo la scorsa stagione, non possiamo permetterci di avere qualcuno che non si senta impegnato per la nostra causa". 

Oggi l'Inter ha presentato il ritiro pre-campionato in Svizzera a Lugano dall'8 al 14 luglio. La volontà dei nerazzurri e dello stesso Dzeko è di chiudere l'affare in tempi brevi, in modo da mettere subito l'attaccante a disposizione di Conte. Nella trattativa può essere inserito un giovane della Primavera nerazzurra come parziale contropartita tecnica: si fa il nome dell'attaccante Merola, classe 2000.