Commenta per primo
Gianluca Petrachi, ds della Roma, ha parlato ai microfoni di Sky Sport nell'immediata vigilia della sfida tra i giallorossi e il Parma: "C'è amarezza per la sconfitta con il Borussia Moenchengladbach, soprattutto perché arrivata dopo un grandissimo secondo tempo. Penso che anche il pareggio ci sarebbe andato stretto. Questa sconfitta però ci deve anche far riflettere, deve spingerci anche a dare quel qualcosa in più".

SU PASTORE - "Gran parte del merito è di Fonseca, per come lo ha gestito. Aveva iniziato allenandosi a parte, poi il mister è stato bravo a gestirlo e a coinvolgerlo. Anche la società ha fatto il suo, quando lui ci ha detto che voleva rimanere lo abbiamo accontentato dandogli le sue responsabilità, un giocatore come lui deve anche saper portare la croce. Gli siamo venuti incontro. Sicuramente è un giocatore ritrovato, deve continuare così e non deve fermarsi".

SU FONSECA - "Quand'ero al Toro seguivo un attaccante, Facundo Ferreyra. Allora guardavo spesso come giocava lo Shakhtar, e mi ha incuriosito il modo di giocare di questo tecnico. Al momento dell'incontro mi ha catturato, mi ha mostrato il suo metodo, come sviluppa i suoi principi. Poi è piaciuto a tutta la società, ha incontrato tutti i dirigenti e abbiamo visto un grande tecnico e una persona perbene".