13
Ogni giorno risulta più chiaro il progetto a medio-lungo termine al quale accennò Tiago Pinto nel corso della sua presentazione alla Roma. Arrivò grazie ad un cacciatore di teste: i Friedkin si rivolsero alla Retexo Intelligence di Charles Gould. Secondo il Corriere dello Sport la prima scelta di questo database era Javier Ribalta, formatosi nel Liverpool di Benitez e per 5 anni assistente di Marotta alla Juventus della quale era il capo degli osservatori. Prima di tentare di costruire la squadra del futuro prossimo, Pinto ha pensato bene di demolire il poco, o il molto, di buono fatto da Guido Fienga.

ALLEGRI E MIRANTE - Ad esempio: Pinto ha reso praticamente inutile l’incontro a inizio ottobre a Udine tra Ryan Friedkin e Allegri; e di recente ha negato il rinnovo ad Antonio Mirante, figura rilevante nello spogliatoio. Inevitabile l’incazzatura del gruppo. Per il dopo-Fonseca si era inizialmente orientato su Marco Rose e su Nagelsmann. Il primo ha deciso di andare al Borussia Dortmund, il secondo sta trattando col Bayern e col Tottenham. Costretto a spostarsi su altri obiettivi Pinto ha pensato anche all’ex laziale Conceicao che comunque sta discutendo il rinnovo col Porto. A sostenere Pinto è soprattutto Ryan Friedkin, appassionatissimo di calcio e numeri.