3

Rocambolesca la situazione in cui Stekelenburg è incappato ieri, sospeso tra Roma e Londra, in attesa del sì o del no per il trasferimento al Fulham, che poi è sfumato. Il portiere olandese torna a parlare tramite il sito olandese del suo procuratore, sport-promotion.nl. RomaGiallorossa.it ne ha tradotto le parole:

Maarten Stekelenburg prova a scappare dall’As Roma. Il suo passaggio al team inglese del Fulham è sfumato ieri sera in extremis: “Mi dispiace molto, ma sono un professionista, quindi adesso mi concentro su un ritorno alla base a Roma.”

Maarten Stekelenburg ha saputo che non se ne sarebbe fatto nulla del trasferimento quando era ancora sull’aereo per Londra; all’arrivo in Inghilterra l’agente Rob Jansen ha avuto l’ingrato compito di comnunicargli che non se ne sarebbe fatto nulla.

Roma e Fulham aveva effettivamente raggiunto un accordo in termini finanziari per l’acquisizione del portiere, ma il club italiano ha posto una condizione fondamentale, ovvero la trattativa col Fulham sarebbe potuta andare avanti solo se i giallorossi avrebbero trovato un sostituto adatto per il portiere olandese. La Roma non ce l’ha fatta a trovarne uno in tempo, quindi Maarten Stekelenburg torna quest’oggi a mani vuote in Italia, per essere ancora una volta a disposizione del tecnico Zdenek Zeman.

Sentimenti contrastanti

Il ragazzo di Haarlem avrà quindi sentimenti contrastanti verso la squadra romana. Avrebbe potuto valere tanto il suo trasferimento al Fulham, avrebbe significato tanto per la sua carriera essere il primo portiere del Fulham in Premier League. L’infortunio di cui fu vittima per sei settimane lo ha portato a perdere il posto in favore del portiere uruguaiano Goicoechea, e in tutto questo ha perso anche la nazionale olandese. Al Fulham, di sicuro, sarebbe stato l’indiscusso numero uno.

Questo rinvio per me suona come un brutto colpo, non ci sono altri modi per definirlo, è stata una battuta d’arresto pesante”, ha risposto Stekelenburg al momento del nulla di fatto riguardo il suo trasferimento. ”Non vedevo davvero l’ora di iniziare a giocare per il Fulham. Si tratta di un grandissimo club e il campionato non è da meno. Di sicuro ci tornerò, per adesso farò il possibile per stare bene.  Mi dispiace davvero non poter già essere lì, è stata una mazzata, ora tocca metabolizzarlo.”

Nessuna colpa

Non ci sono dubbi che il giocatore tornerà ad allenarsi e lavorare: “Non posso dare la colpa a nessuno in questo caso. L’AS Roma ha reso chiaro fin dall’inizio che la mia partenza sarebbe avvenuta solo se avessero trovato un sostituto adeguato. I club sono stati uno d’accordo con l’altro, il mio agente Rob Jansen ed io siamo stati informati. Eravamo lì in prima persona per firmare con il Fulham, l’attesa era solo per il mio sostituto a Roma. Che poi non se n’è fatto nulla…è un dato di fatto.”

Nuovo tentativo

Il portiere olandese ha notato ed apprezzato l’impegno di entrambi i club nella trattativa, e sa che per la prossima estate ci sarà un nuovo tentativo di convincerlo a portarlo a Fulham. Rob Jansen sarà presto in viaggio verso Roma per discutere le possibilità proprio di questo trasferimento. “Adesso non è il caso di rimandare o riparlarne“, ha detto Stekelenburg. “La mia prima sfida ora è a Roma, il mio posto da titolare va riconquistato. Poi in estate vedremo come staranno le cose.”