18
Un allenamento o poco più per la Roma, che approda ai sedicesimi di finale dell’Europa League con qualche affanno nel finale. Il pareggio, timbrato nel finale da una parata prodigiosa di Kofler su Dzeko, lascia a Fonseca il secondo posto nel girone vinto dai turchi del Basaksehir, che nel doppio confronto con la Roma hanno perso per 0-7. I cosiddetti lupi della Carinzia hanno tentato orgogliosamente di tenere la scena con le fiammate di Liendl, che ha anche impegnato Mirante, ma le differenze sono apparse subito nette. Uno dei misteri di questo girone resta la vittoria per 4-0 degli austriaci con il Borussia Monchengladbach, teoricamente la squadra favorita del gruppo, che invece viene clamorosamente eliminata.

Florenzi si è finalmente riappropriato della fascia di capitano e del ruolo di esterno basso, ma gli astri evidentemente non gli sono favorevoli: la Roma era appena passata in vantaggio (rigore provocato da Dzeko e calciato come al solito impeccabilmente da Perotti) quando Niangbo ha affondato mettendo al centro un pallone sul quale Florenzi si è buttato infilando la sua porta. La faccia del capitano dopo questo scherzo del destino non aveva bisogno di alcun commento.

Fortunatamente per lui e per la squadra, il raddoppio romanista non si è fatto attendere: a firmarlo è stato Dzeko, ispirato da un ottimo Perotti, uno dei giocatori rigenerati da Fonseca per far fronte all'emergenza. Si è rivisto anche Fazio, che sarà recuperato a tempo pieno a causa dell’ennesimo problema muscolare che questa volta ha messo fuori uso Smalling.

Per la serie "piove sul bagnato" ha ammainato bandiera bianca anche Mirante, protagonista di un paio di interventi degni di nota. Soprattutto l’ultimo su Niangbo, prima di lasciare il posto a Pau Lopez che, appena entrato, ha incassato il gol del pareggio da Weissmann, che qualche minuto prima aveva colpito un palo.

Sul 2-2 Fonseca ha avuto un moto di stizza e ha rimescolato le carte: fuori Perotti e Under (il turco ancora non c’è) dentro Pellegrini e Zaniolo. Le notizie dalla Germania hanno provocato un po’ di batticuore, ma tutto è bene quel che finisce bene.


IL TABELLINO

Roma-Wolfsberger 2-2 (primo tempo 2-1)

Marcatori: 6′ Perotti (rig), 11′ Florenzi (aut.), 19′ Dzeko, 64′ Weissman

Ammoniti: 32′ Diawara, 56′ Rnic

Roma (4-2-3-1): Mirante; Florenzi, Mancini, Fazio, Spinazzola; Veretout, Diawara; Under (67′ Pellegrini), Mkhitaryan, Perotti (67′ Zaniolo); Dzeko. All: Fonseca.

Wolfsberger (4-3-1-2): Kofler; Novak, Sollbauer, Rnic, Schmitz; Schmid, Sprangler, Wernitznig (73′ Schofl); Liendl; Niangbo (94′ Steiger), Weissman (92′ Hodzic).
All.: Mohamed Sahli

Arbitro: Pawson