Commenta per primo
Carlo Verdone, attore e regista romano, tifoso della Roma, parla a Sportweek di Francesco Totti e Daniele De Rossi: "Essendo amico di tutti e due, magari di Francesco un po' di più, sono dispiaciuto. Oggi il calcio è cambiato. Ci sono giocatori validi anche dopo i 35 anni. Ibrahimovic lo vogliono ancora in Italia. Ribery sta andando molto bene a Firenze. Con le diete, gli allenamenti e la gestione si può arrivare a 40 anni, dopo però basta. L'unica eccezione è stata Roger Milla, il centravanti del Camerun, ma lui aveva un fisico particolare. Totti? Francesco meritava un minimo di considerazione in più. Io mi auguro che un giorno possa tornare". 

SU DE ROSSI AL BOCA - "Romantico? No, penso semplicemente che Daniele avesse ancora voglia di scendere in campo, di vivere qualche altra emozione. La vera cosa romantica è stata l'addio al calcio di Totti. È stato molto toccante perché la storia di Francesco ha rappresentato un periodo della nostra vita. Nel mio caso, mi ha riportato allo stadio e mi ha riavvicinato a mio figlio. Quel giorno all'Olimpico ci siamo commossi perché Totti, per tanti anni, ci ha fatto essere contenti di essere a Roma. Non abbiamo vinto molto, ma abbiamo goduto delle sue prodezze".