191
Il viaggio di Fabio Paratici in Italia era stato programmato soprattutto per parlare con diversi club dei giocatori in uscita dal Tottenham: Bryan Gil (dialoghi con la Samp), Tanganga (incontro col Milan); e poi Ndombele, Reguilon, Winks e Lucas Moura.

LA CRESCITA - Ma non solo. In Serie A c’è un giocatore per il quale Antonio Conte è letteralmente pazzo: si tratta di Nicola Zalewski, esterno sinistro classe 2002 della Roma che Mourinho ha lanciato l’anno scorso. Nato a Tivoli ma di passaporto polacco, è stato inserito in squadra gradualmente fino ad arrivare a giocare da titolare i big match Lazio, Inter e Napoli. Personalità da vendere, dimostrata anche nelle due semifinali di Conference League con il Leicester e nella finale col Feyenoord in cui ha giocato più di un’ora.
CONTE - In Primavera faceva il trequartista, Mou l’ha trasformato in un esterno a tutto fascia. Identikit perfetto per il gioco di Conte, che si è innamorato del calcio di questo ragazzo tanto da chiedere a Paratici di provare a prenderlo. Al momento alla Roma non sono arrivate offerte concrete, Zalewski ha un contratto fino al 2025 e Mou non vorrebbe privarsene. 

IL NO DI MOU -  Non solo il Tottenham, c'è stato un sondaggio nelle ultime ore anche del Psg, a testimonianza del rendimento avuto dal classe 2002 in questa stagione. La Roma però ha rispedito al mittente l'interessamento. Già a gennaio scorso erano arrivate diverse richieste: Sampdoria, Cagliari e altri club lo avevano chiesto in prestito, ma l’allenatore aveva bloccato tutto. Spinazzola era infortunato e Vina non convinceva, Mou ha provato il polacco sulla fascia et voilà. In poco tempo Zalewski è diventato un giocatore insostituibile e un gioiello da tenersi stretto, Tottenham (e Conte) permettendo.