Commenta per primo

Fratello e sorella. Francesco Totti e Rosella Sensi. Diciasette anni insieme, ma nulla è per sempre. Il presidente ha parlato alla squadra. Francesco ha ascoltato e probabilmente si è commosso. Una vita è difficile dimenticarla. Rosella presto non sarà più il presidente della Roma. Il numero 10 lo sa e pensa, nel frattempo, al magnifico tempo trascorso. Dal primo gol in carriera al Foggia (quel giorno indossava la maglia numero 9) alla splendida-maledetta trasferta di Verona. Accanto a lui nei primi anni in prima squadra il Presidente Franco. Come se fosse un padre. E' per questo che Rosella riferendosi a Francesco, lo chiama affettuosamente 'il mio fratellino'. Un amore sbocciato e ricambiato grazie alla stima reciproca tra lui ed il papà. Francesco e Franco. Nomi simili, passione per la Roma smisurata.

Il ragazzo di Via Vetulonia si è commosso perchè da oggi in poi conterà il periodo rimanente. Nulla è per sempre. Vorrebbe dare tanto ancora a questa società che gli ha dato molto. I soldi, la notorietà, ma sopratutto la possibilità di realizzare un sogno: giocare per la propria squadra del cuore. 'So troppo della Roma' la confessione ad un amico - qualche anno fa - che gli chiedeva il motivo del rifiuto alle proposte di Real e Milan. Ora desidererebbe sopratutto una partita. La finale di Champions League per vendicare l'onta dell'84 e quella del 2009 (maledetti rigori), ed un'altra da rivivere. Quella dello scudetto. Un'ultimo regalo a se stesso, ai tifosi e a sua sorella.

Poi sarà un'altra storia. Allenerà i piccoli, si rivedrà in loro, gli insegnerà la vita e si ri-commuoverà pensando a quel bambino biondo che andava a 13 anni al Tre Fontane ad allenarsi vestito di giallo e di rosso con due semplici obiettivi: vincere uno scudetto ed essere il più grande rigorista della storia della Roma. Obiettivi centrati, ma manca quella Coppa, che può essere ancora nostra. Loro, comunque. Di Francesco Totti e Rosella Sensi. Fratello e sorella. Il capitano ed il presidente. Si daranno una mano e si diranno grazie. Le strade si separeranno, ma la storia continuerà. Stretti in libera sorte.