4
Ieri è andato in scena un vertice di mercato a Trigoria tra Rudi Garcia e il d.s. Sabatini. L'allenatore francese ha 'spezzato' le ferie in due tronconi e di passaggio a Roma ha incontrato il direttore, per effettuare uno stato dell'arte riguardante le strategie di mercato romanista. I due appaiono come fratelli, sono legati da una forte stima reciproca e alla fine si impegnano per convergere su tutto. Da una parte parte il credito vantato da Rudi dopo aver ottenuto il secondo posto e contribuito in maniera fondamentale all'arrivo di Gervinho è molto alto e dall'altra Walter è stato ineccepibile in ogni trattativa. I due lavorano in coppia. L'allenatore ha chiesto al direttore sportivo di spingere verso i suoi profili preferiti: il portiere Ruffier, il difensore Basa, il centrocampista Uçan (obiettivo primario condiviso) e l'attaccante Kalou. L'altro lo ha rassicurato esponendo eventuali problematiche e presentandogli altri giocatori in alternativa.
Qualche settimana fa Rudi Garcia ha detto sì alla Roma fino al 2017 con l'obiettivo di vincere lo scudetto, andare avanti il più possibile in Champions e ieri è uscito soddisfatto dalla stanza di Trigoria. La Roma, infatti, si sta muovendo bene; ha blindato Pjanic e Strootman, e messo le cose in chiaro su Benatia. Ha ancora quattro anni di contratto e il cartellino è valutato oltre 40 milioni. Certo, c'è da convincere sempre il difensore sulla bontà di rimanere nella capitale, ma Rudi Garcia si sta dando da fare anche sotto questo aspetto: infatti in serata ha cenato proprio con il marocchino e nell'occasione quest'ultimo gli ha spiegato tutte le sue perplessità. Le parti sono distanti, ma ci sarà un secondo appuntamento: in ritiro. E chissà che in quei giorni Benatia torni a preferire finalmente il gioco del pallone al conteggio ansioso dei soldi.