25

Ogni sua mossa è uno scacco matto. Radja Nainggolan non è solo il cuore pulsante del centrocampo della Roma, ma anche un uomo sempre in copertina se c'è il mercato di mezzo. Ai tempi del Cagliari ci hanno provato tutti, dalla Juve all'Inter, dal Napoli al Milan. Lo ha preso la Roma in una notte folle tra l'incontro dei ds Francesco Marroccu e Walter Sabatini cui sono seguite le chiamate a Massimo Cellino, convinto alla cessione di uno dei suoi giocatori più amati solo dalla formula della comproprietà, una vendita senza distacco totale. Quella comproprietà che ha portato Radja in giallorosso ma che adesso è da risolvere a tutti i costi. E qui nascono i problemi in eredità da quell'operazione con Cellino. 

ACCORDO LONTANO SUL RISCATTO - Nel cuore della Capitale, ieri, c'è stato un nuovo incontro tra Cagliari e Roma. Perché il cartellino di Nainggolan è ancora a metà, tante società europee hanno fatto sapere del gradimento per il belga e l'accordo per il riscatto ancora non c'è. Anzi, è proprio lontano: non è bastato sedersi faccia a faccia per trovare l'intesa, l'offerta della Roma resta al ribasso rispetto alle pretese del Cagliari che vorrebbe guadagnare tra i 14 e i 15 milioni dalla cessione della propria metà di Nainggolan. Ancora ferma la proposta giallorossa, non oltre i 9/9,5 milioni e con i discorsi legati a Ibarbo e Astori in fase di stallo completo visti gli eventuali, costosi riscatti. La probabile retrocessione del Cagliari in Serie B nelle idee della Roma può essere un fattore in più per uno sconto sul prezzo, soprattutto di Radja. Ma al momento le distanze rimangono importanti. Presto un nuovo appuntamento già fissato, nelle idee di Walter Sabatini si cercherà di avvicinarsi con bonus e premi, non con spese folli. 

TRA RINNOVO RINVIATO E OFFERTE - E il Ninja, cosa ne pensa? A Roma è stato in questi giorni anche il suo agente, il contratto scade nel 2018 ma l'adeguamento è nelle idee di Nainggolan da tempo visto un ingaggio non all'altezza di altri compagni dopo un'altra, ottima stagione per Radja nonostante la squadra abbia deluso. Anche su questo fronte però ancora non c'è accordo; in questo caso, nessuna fretta e la voglia di ragionarci con calma, mentre Nainggolan con professionalità continua a dare il massimo pur essendo in bilico il suo futuro. Quando Cagliari e Roma avranno risolto la questione riscatto, allora ci si concentrerà su un rinnovo che ad oggi resta congelato. E se arrivasse una grande offerta dall'estero non andrebbero esclusi colpi di scena, con le due società a dividersi l'incasso. Chiaro, servirebbe una cifra vicina ai 40 milioni come base di partenza. Tanti, ad oggi nessuno li ha messi sul tavolo. Tanta però resta anche la distanza tra Roma e Cagliari che cercheranno presto di avvicinarsi. Per fare ancora scacco matto con Radja. 

Fabrizio Romano