4
Lo scenario di mercato che si sta delineando sull'asse Bergamo-Londra-Firenze è assai particolare: secondo quanto sta emergendo nel corso dell'ultima settimana di luglio, l'affare che porterebbe il difensore Cristian Romero dall'Atalanta al Tottenham potrebbe ripercuotersi, sia in caso di esito positivo sia negativo, sul reparto arretrato della Fiorentina. 

SOSTITUTO E CONNAZIONALE - Perdere il Cuti Romero, per l'Atalanta, vorrebbe dire incassare una somma cospicua, ma allo stesso tempo dover fare a meno di una colonna nello scacchiere tattico di Gasperini. Per sostituirlo, la Dea starebbe pensando a German Pezzella, il capitano della Fiorentina, che con Romero ha condiviso la cavalcata trionfale in Copa America e che ha ben presente cosa serva per fare il perno centrale di una difesa a tre, sistema che il nuovo allenatore viola Italiano ha accantonato. I dubbi, semmai, sono sul recente rendimento dell'ex Betis, e sul ritmo di gioco diverso tra una squadra e l'altra. Ma i contatti esplorativi tra le parti proseguono, in attesa di capire se la trattativa potrà entrare nel vivo. 
ALTERNATIVA - Se invece l'Atalanta dovesse resistere all'assalto degli Spurs per Romero, allora ecco che Fabio Paratici tornerebbe su un altro suo vecchio pallino, ossia Nikola Milenkovic, in uscita proprio dalla Fiorentina, al pari di Pezzella. L'età più giovane e le migliori prestazioni rispetto al compagno di reparto fanno di Milenkovic un profilo più costoso, ma niente che il Tottenham non possa permettersi: in un anno di sofferenze in casa viola, il prezzo di Milenkovic si è quasi dimezzato, e oggi si parla di una cifra intorno ai 15 milioni. In lizza ci sono pure Zouma del Chelsea e Tomiyasu del Bologna, che interessa (corsi e ricorsi del mercato) anche all'Atalanta. 

Insomma, comunque vada a finire la telenovela-Romero, pare proprio che la Fiorentina ci possa rimettere un difensore.