109
Cristiano Ronaldo è salutista e non sopporta le bibite gassate, di conseguenza quando sta per cominciare la conferenza stampa prende le bottigliette di Coca-Cola e le toglie dal bancone. Paul Pogba è musulmano e compie lo stesso gesto di CR7, solo che cambia bibita: a finire fuori dall’inquadratura delle telecamere è la birra Heineken.

Abbiamo rispetto delle regole alimentari che Ronaldo si è imposto, anche perché gli effetti - a vederlo così in forma - sono certamente benefici. Ne abbiamo ancora di più, di rispetto, per le convinzioni religiose di Pogba, e non potrebbe essere altrimenti. Ma il fatto che entrambi abbiano voluto cancellare dal loro sguardo due sponsor di grande importanza, e che lo abbiano fatto in modo così plateale, è difficile da comprendere, da condividere, da accettare.

Il calcio di altissimo livello vive anche grazie alle aziende che investono denaro. Molto denaro. E i campioni - come Ronaldo e Pogba, ad esempio - incassano milioni di euro, in ultima analisi, pure per merito della Coca-Cola e della Heineken. E’ normale che due campioni trattino quelle bottigliette come se fossero il male supremo e fossero state prodotte da qualcuno che fa qualcosa di tremendamente sbagliato? Cosa c’è di tanto grave nel mettere in commercio bibite gassate e birra, ovviamente in modo legale? E, in ultimo, perché Ronaldo e Pogba partecipano con tanto ardore a una competizione che beneficia di sponsorizzazioni a loro avviso negative e meritevoli di essere cancellate dal tavolo delle conferenze, dopo che hanno pagato fior di quattrini per stare lì? Perché, insomma, il portoghese e il francese non sono rimasti a casa, e hanno accettato di mischiarsi con chi fa affari assieme a Coca-Cola e Heineken?

Ronaldo e Pogba sono tutt’e due agli Europei, vincono, sorridono, incasseranno denaro perché la loro immagine uscirà rafforzata da questa manifestazione. Che vive anche grazie a sponsor che loro detestano. Incoerenti? Almeno un po’. Ah, dimenticavamo: Pogba dopo la vittoria della Francia sulla Germania è stato eletto “star of the match” e gli è stato assegnato il premio. Sponsorizzato Heineken.

@steagresti