67
Prima di Portogallo-Germania 2-4 di sabato ha destato interesse il siparietto fra Cristiano Ronaldo e Toni Kroos. Ex compagni di squadra e di camera, durante i ritiri del Real Madrid, tuttora buoni amici, i due hanno parlato per qualche minuto prima del match, mostrando grande complicità. Il centrocampista tedesco poi ha rivelato il contenuto del dialogo: "Cristiano se n'è andato da tempo dal Real Madrid e non ci vediamo così spesso. Non giochiamo contro la Juventus da tanto. Abbiamo parlato brevemente della partita, certo, ma anche delle prossime partite. Gli auguro buona fortuna e spero che si qualificheranno per il prossimo turno insieme a noi. A parte questo, gli ho chiesto come stava. E' in Italia da tre anni. Non hai tutto il tempo del mondo dopo la partita e non passi inosservato. Una volta dentro ci siamo anche cambiati la maglia. È stato bello rivederlo".

DALLA SUGGESTIONE AI FATTI - Fin qui niente di particolare, se non che la foto che immortala il dialogo è stata ripresa anche dall'account Twitter ufficiale del Real Madrid, rinnovando le speculazioni su un eventuale ritorno di CR7 ai Blancos, già alimentate dal ritorno di Carlo Ancelotti, allenatore con il quale il portoghese ha un ottimo rapporto, e dalle parole dell'ex tecnico dell'Everton: "È a fine carriera? Sì, perché fa solo 35 gol e non più 50...".

Passando dalle suggestioni ai fatti, l'ipotesi di un ritorno di Ronaldo al Real Madrid è molto difficile, soprattutto perché Florentino Perez reputa che la storia scritta insieme dal club più titolato al mondo e dal cinque volte Pallone d'Oro sia terminata, senza possibilità di replica. Al momento, per quanto riguarda il futuro del classe 1985 le ipotesi più probabili sono, nell'ordine: il Paris Saint Germain (ma solo in caso di partenza di Mbappé), il Manchester United, la permanenza alla Juve per un'altra stagione, e infine, solo come ultima opzione, il ritorno al Real Madrid.