131
I più grandi dei nostri lettori ricorderanno certamente Fonzie, uno dei protagonisti della mitica serie televisiva “Happy days” che per anni ha accompagnato le serate degli italiani prima dell'ora di cena (ai più giovani consigliamo vivamente di andare a ripescarla). Ebbene a Fonzie - con il giubbotto in pelle e i pollici infilati nelle tasche dei jeans - riusciva tutto: conquistare le ragazze, perfino avviare il juke-box con un dolce pugno. Al punto che, se gli capitava di commettere un errore, era incapace di ammetterlo. Proprio non gli usciva la frase di bocca, benché si sforzasse: “Ho sbagliato” non era contemplato nel suo vocabolario. I suoi vani tentativi di pronunciare quelle due parole sono diventati cult.

Ronaldo in questi giorni ci è sembrato un po’ Fonzie: è stato incapace di chiedere scusa dopo l’errore - chiaro ed evidente - che ha commesso in occasione della sostituzione nella partita contro il Milan. Cosa costava ammettere: “Ho sbagliato”? Sul fatto che Cristiano fosse infuriato con Sarri, non ci sono dubbi: se n’è andato dal campo e dallo stadio e non è così importante la traduzione delle sue parole mentre salutava (a fatica) Dybala, perché l’arrabbiatura era clamorosa. Una volta in nazionale, ha voluto marcare la differenza rispetto alle spiegazioni fornite dall'allenatore della Juve, secondo il quale ha problemi a un ginocchio: non sto bene ma benissimo, ha detto lui stesso dopo averlo suggerito al suo ct.

Così, quando gli hanno fatto capire che doveva andare incontro alla versione di Sarri (potere della Juve), è venuto fuori il Fonzie che c’è dentro Ronaldo: sto davvero male, ha detto smentendo se stesso, però senza ammettere gli errori commessi fino a quel momento. E ancora: è colpa dei giornalisti che si sono inventati tutto. Cosa si sono inventati? La sua fuga, le sue imprecazioni, la sua affermazione secondo la quale era in  condizione buonissima? Mannò dai, è tutto testimoniato dalle immagini…

Non pensavamo che Ronaldo arrivasse a un simile livello di ipocrisia pur di non ammettere il proprio errore: un fuoriclasse come lui, amatissimo e strapagato, non ha avuto il coraggio di assumersi le sue responsabilità. Fonzie non era così patetico.

@steagresti