35
L'ex Inter Karl-Heinz Rummenigge ha rilasciato un'intervista alla Gazzetta dello Sport, dando le sue opinioni tra campo e mercato. Iniziando da Kostic, giocatore in orbita Juve: "Per l’Eintracht è stato molto importante: spinge a sinistra, è veloce, tecnicamente molto bravo. Lo hanno fatto giocare in coppa, vorrebbero metterlo oggi contro il Bayern, fanno di tutto per tenerlo. Però non sembra che costi tanto, non è carissimo". 

DI MARIA - "Serie A campionato per gente a fine carriera? No. In Germania cercano sempre di comprare giovani anche per farli crescere, venderli e guadagnare soldi. Io credo sempre nella “mista”, esperienza più giovani. Con il Bayern abbiamo vinto così. Non li chiamo vecchi, ma di esperienza. Di Maria può dare ancora qualcosa, è valido". 

LUKAKU - "Il matrimonio tra lui, Chelsea e forse anche l’allenatore non è stato felice. Ha fatto bene a tornare dove ha avuto grandi successi. Il mio amico Marotta poi ha fatto un grande affare, lo ha venduto un anno fa a prezzo eccezionale e lo ha ripreso per poco. Sulle favorite, la partenza sbagliata della Juve un anno fa aprì la porta alle milanesi, non per caso poi prima e seconda. Se la Juve parte bene potrebbe tornare quella che ha vinto tanti campionati di fila".

MILAN - "Sorpreso dallo scudetto? Un po’, l’Inter poteva confermarsi, purtroppo ha perso punti preziosi in alcune settimane difficili e grazie a quello il Milan ha vinto. Già l’anno scorso l’Inter aveva la squadra più forte".
MOURINHO - "La Roma è rinata come società importante. Per parecchio tempo non ha vinto nulla, poi grazie a lui ci è riuscita, non la Champions ma la coppa meno importante, però ha vinto. Mourinho ha fatto bene nel passato, è un uomo di grande immagine, e mi pare anche per il futuro, visti gli acquisti importanti. A Roma sognano qualcosa in più, ma non credo che possano vincere il campionato, secondo me parte l’Inter come grande favorita".

BUNDESLIGA - "Soprattutto con Lewandowski, mancherà un elemento importante. Il Bayern però ha pescato bene comprando Mané. Poi anche il ritorno di Götze può essere una buona pubblicità a tutta la Bundesliga, oltre che al suo Eintracht. Ma la Bundesliga fa nascere sempre nuove stelle. Mi aspetto tanto da Musiala, ha tutte le doti che servono. L’attacco del Bayern è il più veloce d’Europa: lui, Coman, Gnabry, Mané, Sané. Anche senza Lewandowski è un reparto interessante".

DE LIGT - "Se vale 67 milioni? Bisogna vedere. Anche la Juve lo aveva pagato molto, probabilmente lo hanno venduto perché non li ha convinti, oltre che per ragioni economiche. Al Bayern mancava il “capo” della difesa, dopo la partenza di Alaba".