L’affare Saint Maximin si complica. Non è certo un segreto che il Milan abbia puntato, e soprattutto punti, sul talentuoso attaccante del Nizza. Ha provato a convincere la squadra della Costa Azzurra a cederlo già negli ultimi giorni di mercato, senza successo. Per due motivi: il primo ovviamente per la impossibilità dei rossoneri francesi di trovare un sostituto adeguato, il secondo per la fiera presa di posizione dell’allenatore Patrick Vieira, che ha minacciato addirittura le dimissioni in caso di cessione, nella sessione invernale di mercato. Voci degli ultimi giorni parlano di nuovi contatti tra i due club. Qualcuno mormora che ci sia un accordo scritto, un sorta di pre-contratto, con il giocatore e il suo entourage, che avrebbero strappato un ingaggio da 1,5/2 milioni di euro per cinque anni. La situazione invece è più contorta. Partiamo innanzitutto dalle vicende societarie dell’OGC Nice. Lo storico Presidente Jean Pierre Rivere, in una conferenza stampa, lo scorso dicembre ha comunicato di lasciare la Società, della quale era ancora azionista di minoranza, dopo la cessione a un gruppo cino-americano capitanato dagli imprenditori Lee, Zheng e Paul Conway. Differenti vedute sulle strategie del Club avevano portato a questa decisione. E’stato liquidato nella assemblea del 30 gennaio scorso. 

Oggi il nuovo Presidente è un ragazzo di 30 anni, Gauthier Ganaye, già dirigente nel Lens e nel Barsley, squadra di terza divisione inglese, i proprietari della quale sono gli stessi del Nizza. Saint Maximin aveva già lasciato il suo vecchio procuratore, Stephane Courbis, per affidarsi intanto a un agente di origine turca, Marco Kladimir. Un giallo anche la scadenza del suo contratto. Su Transfermarkt, si legge la data del 30 giugno 2020, mentre altri sostengono che, in verità, sia stata portata al 30 giugno 2022. In questo caso, le cose cambierebbero e di molto. Il Nizza avrebbe certo più argomenti…finanziari per poter chiedere una cifra maggiore dei 20/25 milioni, probabile costo della operazione. Il giocatore intanto ha scritto sul suo profilo instagram: "Non è che una questione di tempo". Il problema però più spinoso, per un tentativo del Milan, di acquisire il giocatore riguarda però l’inserimento pesante di squadre inglesi e tedesche. Si parla comunque di un prossimo incontro dei Plenipotenziari milanisti con la dirigenza francese, ma anche il Club rossonero, prima di affondare il colpo, dovrebbe attendere fine stagione, per capire quali siano i margini di manovra, in base al risultato finale in campionato. Insomma, Saint Maximin, 22 anni, talento, velocità, spettacolo, rappresenta certo un obiettivo, ma per raggiungerlo servono sottili arti diplomatiche, una buona quantità di denaro e anche sperare nella… distrazione dei club inglesi. Altrimenti sarà dura, molto dura!