Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, analizza in conferenza stampa la sconfitta interna con il Frosinone: "Mancata la qualità dei singoli? E' un aspetto, la squadra non ha giocato una partita superficiale, nell'atteggiamento e nel fatto di essere attiva dal punto di vista mentale. Probabilmente siamo stati qualitativamente al di sotto delle nostre possibilità. Quando il Frosinone è andato in vantaggio, ha giocato con una difesa a oltranza ma con grande dignità e aiuto reciproco e noi per scardinare quella situazione è normale che avremmo avuto bisogno del guizzo. Lì probabilmente siamo venuti meno, ma non posso rimproverare impegno e partecipazione. Alla fine poi abbiamo fatto confusione perché è stata una reazione di adrenalina, di nervosismo ma ci sta anche. Così come sulla carta era una partita proibitiva per il Frosinone, i tre punti possiamo andare a riprenderceli domenica contro l'Inter in una partita che sembra difficile. Da qualche parte bisogna andare. E' chiaro che questa sconfitta ci lascia delusione addosso perché per le aspettative che si erano create questo è un incidente di percorso che non ci stava, questa caduta rompe qualche coccio e bisogna rimetterlo apposto. La delusione è figlia di quanto la squadra ha saputo crearsi fino ad ora. Il primo vero incidente di percorso è questo, bisogna reagire nonostante la forte delusione. Lavorare sull'aspetto psicologico? Se perdi in casa con il Frosinone e poi hai una partita impegnativa come quella di Milano ti mette alla prova. Io ho sempre detto che in campo non scende la classifica, questa era una gara che si poteva dare per scontata ma di scontato non c'è nulla. Per le aspettative, per le ambizioni che ci sono attorno alla squadra questa è una sconfitta che non c'entra nulla. La delusione va oltre la sconfitta stessa, va a minare quella continuità che la squadra ha saputo crearsi. Noi dobbiamo guardare avanti, bisogna rialzarsi. Manca l'ultimo passo per confermarsi? Io penso che quando sei lì devi fare risultato sempre. Avessimo fatto risultato oggi e perso le successive tre è come il cane che si morde la coda. Devi avere una certa continuità. Questa, sulla nostra tabella di marcia, non era una gara da bollino rosso. Se cadi, se perdi, metti in discussione quel cammino lì e per rimetterci in carreggiata devi vincere qualche partita da bollino rosso per noi. Devi dargli il giusto peso. Ora il fardello è pesante perché c'è delusione ma la squadra non ha sottovalutato la partita, non ha avuto la lucidità necessaria per vincerla. Ha avuto un buon predominio dal punto di vista dell'atteggiamento ma non ha avuto l'intuizione vincente per vincerla. Cosa è mancato oggi? Qualche smarcamento giusto, qualche misura. Al Frosinone va riconosciuto il merito di aver lottato, di esser stato basso con le due linee. I nostri giocatori di qualità non hanno mai trovato il guizzo e rischi allora di far impantanare la partita come è stato".