1
A nemmeno 48 ore dall'anticipo di sabato con il Crotone, per la Sampdoria e per Marco Giampaolo è già tempo di vigilia e di conferenza stampa. Il mister blucerchiato domani sera farà visita all'Inter, per affrontare la squadra nerazzurra nel suo fortino di San Siro. Una sfida speciale, che stimola il mister doriano: "Il tempo per preparare la gara non c'è ma questo vale anche per il nostro avversario. L'Inter ha i connotati di una squadra forte. Le partite ci trasmettono che i nerazzurri sono una squadra che sa quello che vuole. Oltre ad aver qualità, è una squadra organizzata. Spalletti ha fatto un gran lavoro e se è lì per giocarsi lo scudetto vuol dire che ne ha le qualità" ha detto Giampaolo in conferenza stampa.

"Udine è già dimenticata, non ci torno più sopra" prosegue il mister presentando il match. "Domani sera abbiamo un avversario tosto, una gara complicatissima. Il futuro è domani e il nostro impegno fisico e mentale è rivolto alla gara di domani. Ognuno recita la sua parte in funzione della forza che ha. L'Inter è un'altra dimensione, un'altra storia. E lo fa moltiplicato per mille rispetto a come lo fa la Samp. Ognuno veste l'abito che può permettersi. Io nel mio ci sto bene".

Spalletti ha inserito la Sampdoria al primo posto tra le squadre immediatamente alle spalle delle sei 'grandi': "Spalletti mi vuole bene e mi dice questo" minimizza Giampaolo. "Io penso che la Samp in questo momento si è tolta qualche soddisfazione. Non dobbiamo fare altro che migliorare noi stessi. L'Inter ha la miglior difesa, ha numeri importanti e questi numeri ti portano a pensare di fare cose in grande. Troveremo un'altra Inter rispetto all'anno scorso".

Domani sera, Giampaolo ritroverà Skriniar: "E' programmato per vincere. Quando lo sostenevamo è perché lo vedevo tutti i giorni. E' programmato per vincere sul piano mentale. Se sei forte lo puoi sostenere ovunque. Milan ha saputo farsi apprezzare nel corso del campionato". Niente futuro per Giampaolo in nerazzurro, però: "Quella è stata una battuta. Ho detto che sto bene nei miei abiti. E' più facile che io apra una scuola calcio che vada ad allenare l'Inter".

Giampaolo e la Sampdoria non riserveranno alcun trattamento speciale ad Icardi: "No perché non marchiamo a uomo. Ci penserà il reparto a giocar bene su Icardi. E' una squadra cresciuta, forte, che ha idee. A Napoli se non hai contenuti perdi. E' difficile fare risultato al San Paolo. E' una partita difficile per le qualità e la struttura dell'Inter ma questo non significa che la Samp non andrà a giocare la sua partita. Le gare non sono mai scontate. Se fai tutto per bene, se non sbagli troppo o sbagli pochissimo tecnicamente se hai un bello spirito ottieni risultati. Ho visto Icardi correre dietro i giocatori del Napoli, vuol dire che è dentro la squadra. Significa che Spalletti li hai convinti e ha creato sintonia".

"Son tutti recuperati" prosegue Giampaolo parlando della situazione infortunati. "Ieri abbiamo fatto un defaticante con chi aveva giocato e oggi dobbiamo ancora allenarci. Sono in alto mare con la formazione. Viviano? Emiliano sta seguendo un programma tecnico e di riatletizzazione. Deve lavorare per pulire quegli interventi post intervento, pulire i tessuti e avere quel livello di reazione".