La notizia è arrivata all'improvviso, come il classico 'fulmine a ciel sereno', anche se per i tifosi della Sampdoria si tratta sicuramente di una novità molto positiva: nessuno si aspettava il rinnovo di Joachim Andersen, centrale blucerchiato grande rivelazione di questo campionato. Un po' perchè il vecchio contratto del giocatore scadeva tra tre anni, nel 2021, e un po' perchè le voci di mercato continuano ad impazzare attorno al danese.

Inaspettatamente però la Sampdoria ha ufficializzato il prolungamento, dopo un lavoro condotto sottotraccia senza far trapelare nulla all'esterno. Contratto sino al 2022 per Andersen, da leggere come un premio per il suo avvio di stagione esaltante. Ovviamente, anche l'ingaggio del difensore è stato adeguato: passerà da 250mila euro all'anno a circa 450mila euro, compresi i bonus. Ciò non significa che Andersen sia stato blindato dalla Sampdoria, ma il nuovo accordo permetterà a Corte Lambruschini di gestire un'eventuale futura trattativa da una posizione di forza nei confronti dell'acquirente.
A fare il gioco della Sampdoria poi c'è anche la potenziale asta che potrebbe scatenarsi per Andersen. Nei giorni scorsi si è parlato molto di Inter e Juventus, che in effetti si stanno sfidando per il calciatore classe 1996, ma non bisogna dimenticare altre società, in primis il Manchester United, il Tottenham e le numerose squadre di Bundesliga che lo stanno seguendo.

Ferrero dal canto suo ha già fatto sapere di voler iniziare a parlare con le pretendenti soltanto se porteranno offerte dai 30 milioni in su, ossia la cifra all'incirca incassata per Skriniar. Non è escluso però che la quotazione non possa ulteriormente salire, se le prestazioni continueranno su questo livello. La Samp ha già fatto sapere di non voler cedere il suo gioiello a metà stagione, e un campionato caratterizzato da grande rendimento potrebbe scatenare la caccia a Andersen, per la felicità delle casse blucerchiate.