6
Sampdoria-Torino 1-0

Audero 6,5: con alcune uscite prepotenti sbroglia situazioni potenzialmente pericolose. Ottima la chiusura su Zaza, dà personalità e tranquillità alla retroguardia.

Bereszynski 6,5: adattato da centrale, non sfigura e anzi, fa valere le sue innegabili qualità atletiche tamponando con la velocità alcune situazioni potenzialmente pericolose. 

Colley 7: gioca una gara sontuosa. Chisure prepotenti, fisico da vendere, qualche volta fa addirittura il regista della difesa con passaggi intelligenti.

Ferrari 6,5: ogni volta che viene chiamato in causa, non sfigura. Affidabile, preciso, attento, altra buona partita di un giocatore che forse viene considerato troppo poco.

(dal 24' s.t. Murillo 6: partecipa alla difesa finale del fortino)

Depaoli 7: pronti via, gran progressione sulla fascia e destro che impegna Sirigu nell'intervento a terra. E' forse la più bella novità di giornata della Samp, perchè spinge e difende in maniera perfetta.

Ekdal 6,5: detta la manovra come ai vecchi tempi. In mezzo al campo non sbaglia un passaggio, chiama anche alla parata Sirigu con un bel destro dal limite e fa respirare la squadra nel convulso finale.
Vieira 6: passo in avanti dal punto di vista del gioco e dell'attenzione, prezioso quando si tratta di chiudere e pure nel far ripartire l'azione. Sul suo giudizio però pesa il gol che si divora a due metri dalla porta granata, perchè si tratta della chance che avrebbe chiuso la gara.

Murru 6,5: solita partita attenta e precisa. E' un giocatore affidabile, puntuale nei movimenti e nelle chiusure anche da esterno nel centrocampo a cinque.

Rigoni 5: è nettamente il meno positivo della Sampdoria, l'unica nota stonata in una giornata felice per la squadra. Impalpabile, lento, prevedibile, non può essere questo il vero Rigoni.

Gabbiadini 7,5: si presenta sparando a lato a due passi dalla porta la prima occasione doriana, anche se il suo mancino viene sporcato da un giocatore granata. L'attaccante però è in giornata, e alla prima palla buona batte Sirigu con un piazzato lucido e glaciale. Gol che pesa come un mattone.

(dal 29' s.t. Linetty 6: Di Francesco lo inserisce per dare densità a centrocampo e tenere il vantaggio, in queste situazioni la corsa del polacco è oro, specialmente se entra sul terreno di gioco quando gli altri calciatori sono in debito d'ossigeno)

Quagliarella 6: si batte come al solito al centro dell'area. Nel primo tempo il suo score si limita ad un tiro ribattuto e ad un tentativo di girata, ma è vivo e guizzante. Manca il gol, ma avrà modo di rifarsi.

(dal 37' s.t. Caprari s.v.)


All. Di Francesco 6,5: cambia tutto, stravolge la squadra ma potrebbe aver finalmente trovato la quadra con gli uomini a sua disposizione. Mette in campo un 3-5-2 che di fatto si trasforma in un 5-3-2 quando la Samp deve difendere. Mossa intelligente, perchè il nuovo assetto restituisce certezze e solidità ad una formazione che aveva un disperato bisogno di punti fermi. Vince una partita sporca, difficile, un po' confusionaria nel finale e restituisce ossigeno prezioso ai blucerchiati