3
Soltanto ieri circolava a Genova parecchio ottimismo in merito alla possibile risoluzione della questione Jeison Murillo per la Sampdoria. Il centrale colombiano sembrava destinato ad un clamoroso ritorno a Valencia, proprio nella società da cui il Doria lo aveva prelevato soltanto un anno fa. La trattativa sarebbe stata impostata sulla base di un prestito oneroso ad un milione con riscatto già fissato a 8 milioni circa, per un totale di 9 milioni, ossia esattamente l’importo necessario per rientrare a livello contabile dell’investimento da 14 milioni sostenuto la scorsa estate per portarlo a Genova, considerando gli ammortamenti. Nel frattempo la Sampdoria ha già versato la prima tranche del pagamento, rateizzato con altre tre tranche, una nel 2021 e due nel 2022.
 
A suscitare perplessità nel Valencia sarebbero stati alti membri della dirigenza, poco propensi a riprendere il giocatore che non aveva lasciato un ricordo indelebile nella squadra spagnola. Ci sarebbero anche problemi a livello di formula tra le parti: il Doria vorrebbe inserire il prestito con obbligo di riscatto, il Valencia invece punterebbe soltanto al diritto. Ad approfittare della situazione potrebbe essere il Celta Vigo, rimasto vigile in attesa di un possibile spiraglio, o addirittura il Galatasaray, che continua la sua ricerca di un giocatore d’esperienza a cui affidare la difesa.