18
Un nome a sorpresa per la Sampdoria, che nei prossimi giorni incontrerà il tecnico Marco Giampaolo e proverà a trovare un punto di incontro con l'attuale allenatore per proseguire insieme anche nella stagione 2019/2020. L'intesa tra la dirigenza e il mister di Giulianova però sembra complicata, e per questo motivo Ferrero Romei e Osti hanno iniziato a guardarsi in giro, in modo da non farsi trovare impreparati in caso di addio di Giampaolo. Uno dei profili che solleticano Corte Lambruschini sarebbe quello dell'attuale allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, di cui oltretutto l'attuale allenatore doriano ha sempre parlato molto bene.

Secondo l'edizione genovese de La Repubblica il tecnico calabrese rientrerebbe nelle caratteristiche chieste dalla squadra genovese, che vuole un tecnico giovane, emergente, con 'fame' e capace di ricercare il bel gioco. Gattuso addirittura sarebbe già stato contattato dalla Samp, senza però un particolare successo al primo contatto. La situazione di 'Ringhio' è infatti piuttosto complicata: ha due anni di contratto con il Milan, vorrebbe rimanere a Milano nonostante alcuni dissidi con Leonardo, ma la dirigenza rossonera probabilmente cambierà la guida della prima squadra. Un altro problema è rappresentato dall'ingaggio di Gattuso, che guadagna 2,5 milioni a stagione, cifra troppo alta per le casse blucerchiate. L'allenatore potrebbe quindi virare per una pista estera, in grado di garantirgli lo stesso stipendio, dal momento che le squadre italiane di prima fascia al momento sembrano avere altri obiettivi.

Gattuso comunque non avrebbe tarpato immediatamente le ali all'emissario della Samp, anzi avrebbe chiesto tempo per riflettere e concentrarsi sul finale di campionato del Milan. Per arrivare a lui, la dirigenza blucerchiata dovrà attendere la fine del campionato e poi martellarlo con ​garanzie tecniche e uno sforzo economico significativo. In caso il pressing su Gattuso dovesse comunque condurre ad una fumata nera, il nome più credibile sarebbe quello di Pioli, piuttosto semplice da raggiungere. L'ex mister della Fiorentina è libero, conosce Osti e riscuote il gradimento di Ferrero e Romei.