La scorsa settimana, complice la “goliardata” del portiere del Parma Sepe e del suo fantasioso tweet sulle immaginarie inclinazioni sessuali di Cristiano Ronaldo, ho ritenuto giusto affrontare il tema molto serio dell’omosessualità nel calcio. Il dibattito che si è aperto tra i nostri visitatori è stato molto ampio e, nella maggior parte dei casi, si è svolto in maniera educata e consapevole proprio come esigeva l’argomento delicato. La conclusione, purtroppo fatale, è che il mondo del pallone a differenza di ciò che accade nella società civile non ha ancora trovato il sacrosanto coraggio di affrontare la questione, accantonando ogni pregiudizio antico e demolendo il muro di una vergogna la quale non ha il diritto di esistere.

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM