72
Una lunga intervista, per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Maurizio Sarri, allenatore del Chelsea, è tornato sulla sua esperienza al Napoli e sul suo burrascoso addio. Queste le sue parole a Il Mattino: "Mi capita di ripensare a quel Fiorentina-Napoli. Sarebbe stato il coronamento di una storia straordinaria, di un sogno mio, della squadra e di tutta la città. Qualcuno ha fatto ironia sulle mie parole, ma chi ha fatto sport sa che abbiamo perso lo scudetto in albergo".

ANCELOTTI - "Spero che il Napoli abbia successo, per la città, per i tifosi. Napoli è una città straordinaria, merita di vincere lo scudetto. Io da tifoso del Napoli sono contento che sia Carlo ora a fare l'allenatore perché non solo ha vinto ovunque è stato, ma si è fatto voler sempre bene da tutti. Ho saputo del suo arrivo dalla tv. Ero a cena con Pompilio, il collaboratore di Giuntoli, con cui stavo discutendo proprio se restare o no. Abbiamo acceso la tv e abbiamo visto l'ingresso alla Filmauro di Ancelotti". 

MOTIVI DELL'ADDIO - "Ancora non lo so. Bisogna chiederlo alla società. Ma ora ho il Chelsea, e sono felice. C'erano dei motivi per cui volevo rimanere al Napoli e c'erano dei motivi per cui avevo delle perplessità. Il contratto che ha voluto il presidente prevedeva una clausola rescissoria con scadenza 31 maggio e invece il 21 maggio hanno fatto il contratto ad Ancelotti". 

DE LAURENTIIS - "Gli sono grato perché mi ha fatto allenare la squadra che ho nel cuore, se sono qui al Chelsea è perché ho allenato il Napoli. Per il resto il De Laurentiis a cui voglio bene è sicuramente il figlio Eduardo". 

HIGUAIN - "Era un campione affermato e con me, che arrivavo dall'Empoli dove ero una specie di signor nessuno, si è messo senza esitazione e con semplicità a disposizione: non è vero che ha tradito Napoli, ha voluto lasciare Napoli perché il presidente del Napoli era De Laurentiis". 

RICORDO POSITIVO - "Nulla è stato più bello che vincere allo Juventus Stadium. Una notte unica. A livello umano l'amore di ogni giorno dei napoletani nei miei confronti". 

RICORDO NEGATIVO - "Le parole di De Laurentiis al Bernabeu dopo la gara con il Real Madrid. Non ho mai snobbato, ho sbagliato solo una partita, quella di andata con il Lipsia, che ci è costata la qualificazione. Ma era obbligatorio fare tutti quei cambi perché il sogno del gruppo e della città era lo scudetto". 

FUTURO - "Può essere l'obiettivo concludere la carriera al Napoli. Ma prima voglio rimanere al Chelsea, in questo splendido club, ancora per tantissimo tempo. Qui è tutto stupendo, non c'è nulla che non vada bene. Un sogno allenare questo club".