232

Beppe Marotta, a.d. della Juventus, ha puntato il dito contro la stampa in seguito agli atti deplorevoli verificatisi in mattinata, consistenti nel lancio di sassi e uova contro il pullman (foto gazzetta.it, video youtube) della Juventus: "Sicuramente si è trattato di un fatto di grave violenza, deplorevole. Secondo me preventivabile, frutto di alcuni giornalisti della vostra classe, che spesso usano un linguaggio assolutamente contro di noi, non valutando invece quelli che sono i meriti sportivi: c'è chi ci ha definiti ladri. E' normale che poi la conseguenza sia questa. La speranza veramente è che non si arrivi ad un fatto più grave, di cui poi tutti noi dovremmo pentircene".



LA CONDANNA DI PETRACHI - Anche il ds del Torino, Gianluca Petrachi, ha condannato l'accaduto: "Non ci siamo accorti di nulla perché siamo arrivati dopo il pullman della Juve. Dispiace perché il derby deve essere una festa di sport, il calcio è una passione sana e non distruttiva, mi auguro che ora si parli solo di calcio giocato".

BOMBA CARTA - Secondo quanto riporta Sport Mediaset, dal settore dove sono presenti i tifosi della Juventus all'interno dello stadio Olimpico è stato lanciato un petardo che è esploso nel settore dei tifosi del Torino: l’esplosione dei seggiolini ha causato il ferimento di dodici supporters granata, uno sarebbe in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita: tutti sono stati prontamente trasportati in ospedale. Altro scoppio a fine partita, senza conseguenze.

GLI ARRESTI - Come riporta Sport Mediaset, la Polizia ha arrestato cinque tifosi:due della Juve e uno del Torino per il lancio di bombe carta, fumogeni e altri oggetti all'interno dello stadio Olimpico, altri due per gli incidenti prima della partita (uno è stato denunciato per il lancio di sassi contro il pullman della Juve): a renderlo noto è la Questura di Torino.

IL COMUNICATO DELLA JUVENTUS - Dopo le dichiarazioni a caldo post-partita è arrivata anche la nota ufficiale della stessa Juventus pubblicata attraverso il proprio sito web: "Juventus Football Club condanna ogni forma di violenza sia essa proveniente dai propri tifosi o da quelli avversari ed esige pari trattamento nella valutazione di essi in sede di giustizia sportiva o di commento. I fatti odierni richiedono una profonda riflessione da parte del calcio, ma anche delle istituzioni e dei media, che di questo spettacolo sono protagonisti importanti".