126
Cioè.

Ragazza sui venti anni, intervistata per strada da "Dritto e Rovescio", dice parola per parola: "Comunque i giovani della mia età non muoiono di Covid. Neanche mio padre che ha 50 anni muore di Covid. No, dai, muoiono solo le persone anziane. Quello che penso io, arrivati a questo punto...Anche i miei nonni: tengo molto ai miei nonni ma, se devono morire, morissero, cioè". Carlo Verdelli scrive sul Corriere della Sera che quello della ragazza non è probabilmente il pensare di una minoranza irresponsabile e sfrontata ma è "forse la ribollente maggioranza nelle coscienze del paese...al di là delle ragioni di macro e micro economia, si è sollevata un'onda emotiva non più gestibile che pretende di abolire la pandemia per manifesta intolleranza popolare...e i nonni, se devono morire, morissero". Ciò è.

Figli di...

Figli di "stracca, declinante opulenza in cui siamo cresciuti in coda al secolo scorso e della strisciante, costante crisi a bassa intensità nei primi decenni del nuovo. Un lungo apprendistato al torpore civile". Così Antonio Scurati sul Corriere della Sera scruta le ragioni e i percorsi del nostro essere oggi così come siamo: sicuri, illusi e indifferenti. "Democrazia, benessere, progresso e giustizia sociale come ovvi e scontati" senza che si debba muovere un dito o un pensiero contro "reazione, autoritarismo, oscurantismo, affarismo". Solo torpore, torpore civile? O non anche scelta per la reazione, per l'autoritarismo, per l'oscurantismo e l'affarismo? Scelta, non torpore. Scelta che, se inconsapevole di sé, è eticamente e storicamente anche peggiore del se conscia lo fosse.
Insegnare ipocrisia.

Scuola, materia ipocrisia. Va alla grande il nuovo corso dell'ipocrisia materia prima. Materia prima della pedagogia ipocrita. L'ipocrisia pedagogica comanda per pagelle e valutazioni della formazione scolastica quattro dizioni, formule, parole approvate e pronunciabili. Uno studente può essere "Avanzato" oppure "Intermedio", oppure "Base", oppure "In via di acquisizione". Mai e poi mai dire, pronunciare un: non va bene. Definizioni di valutazione che hanno come prima e unica preoccupazione e valenza quella di dribblare il valutare. Ci sarebbe, dicono ci sia, nelle pagelle e scrutini di quest'anno anche la materia Educazione civica. La prima lezione di Educazione civica sarebbe il non mentire, la seconda il non mentire per compiacere, la terza il non mentire per raccogliere consenso. Quindi sistema dei valori formativi secondo pedagogia ufficiale nella scuola è "avanzato" in ipocrisia, "intermedio" in politicamente corretto, "base" in populismo" e appena "in via d'acquisizione" in cittadinanza consapevole e responsabile.

Capri Covid free, il sindaco un po' meno.

Foto opportunity dalla piazzetta di Capri (Corriere della Sera domenica). Foto destinata al mondo, per dire al mondo: venite a Capri che siam tutti vaccinati e non c'è più Covid. Foto per dire al mondo: fidatevi di noi! In foto l'uno a fianco all'altro Vincenzo De Luca presidente Regione Campania, Alessandro Scoppa sindaco di Anacapri e Marino Lembo sindaco di Capri. Il sindaco di Capri, nella foto opportunity dedicata al mondo e non in uno scatto improvvisato e trafelato, ha la mascherina sotto il naso. Comunicare sicurezza, visivamente comunicando che non si sa di cosa si tratta e si parla?